1FOLIGNO, 6 ottobre 2019 – Una bella Quintana, quella disputata oggi al “campo de li giochi” per i terremotati di Norcia. E’ stata la Quintana della solidarietà e il palio di Luigi Frappi è andato al bravo Luca Innocenzi del rione Cassero. Per Luca è la settima vittoria. E che vittoria! In sella a Guitto ha sempre galoppato con la stessa marcia, senza mai cambiare nemmeno in curva. Si calcola, visti i tempi intorno ai 52 secondi che i cavalieri percorrono l’otto di 750 metri, alla velocità di 60/65 Km/h. Innocenzi ha vinto con il tempo totale di 2.39.84. Ha surclassato il lauro cinto nell’ultima tenzone di settembre, il Fedele, al secolo Massimo Gubbini, portacolori del rione Croce Bianca che, nella seconda tornata, ha clamorosamente mancato il terzo anello. Sfortunato anche Daniele Scarponi dello Spada, che è subito uscito di scena dopo aver sbagliato il secondo anello della prima tornata.

Errore giustificato -se così può dire- per il 43 enne folignate che, due giorni fa ha ricevuto un calcio dal cavallo in scuderia sulla mano destra. Nonostante il ghiaccio e poi gli impacchi, il dolore non era cessato del tutto e l’errore potrebbe essere stato la conseguenza dell’incidente.

In finalissima, dunque, si sono presentati in nove, poi nella seconda manche, oltre a Gubbini, sono usciti di scena il debuttante Tommaso Finestra, 18 anni, del rione Contrastanga che ha lasciato appeso sul braccio del dio Marte un anello. Stessa sorte anche per Lorenzo Paci del Morlupo e Pierluigi Chicchini del Pugilli. Bravi, invece, per essere gfiunti in finalissima senza sbavature Riccardo Raponi dell’Ammanniti, Cristian Cordari del Badia, Alessaandro Candelori del Giotti e pure Mattia Zannori de La Mora. Quest’ultima ha lasciato sul braccio della statua un anello del diametro di cm. 5. Classifica dei primi cinque: 1) Cassero, 2) Ammanniti, 3) Giotti, 4) Badia, 5) La Mora.

Il campo de li giochi non ha registrato il pienone. Molti i posti vuoti. Da Norcia sono arrivati, oltre al sindaco, circa 200 persone. (166)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini