AVEVA PRECEDENTI PER SPACCIO NASCOSTO IN UN’ABITAZIONE DEL CENTRO DI PERUGIA

1-copia-2Perugia, 09 ottobre 2019 – Continua senza sosta l’intensificazione dei controlli della Polizia di Stato nel territorio perugino, dal centro storico all’hinterland della città. E’ proprio l’azione sinergica degli Agenti della Squadra Mobile, della Squadra Volante e del Posto di Polizia “Centro Storico” della Questura di Perugia che ha portato alla localizzazione di un cittadino extracomunitario di origini tunisine, ben nascosto all’interno di un appartamento seminterrato, disabitato, nel centro di Perugia. Gli Agenti, condotti gli accertamenti di rito, appuravano che l’uomo, irregolare sul territorio nazionale ed inottemperante ad un ordine del Sig. Questore di non far rientro in Italia, in quanto già in precedenza espulso, presentava anche precedenti di polizia in materia di spaccio di sostanze stupefacenti. Condotto presso gli uffici della Questura l’uomo, attraverso un volo charter sarà rimpatriato nelle prime ore della mattinata di domani, scortato da operatori di Polizia, nel proprio Paese di origine.

Un’ ulteriore rimpatrio sarà effettuato a breve nei confronti di una cittadina di origini nigeriane di 26 anni in quanto, scontata una pena detentiva di anni 2 e mesi 8, per reati inerenti la detenzione e lo spaccio di sostanze stupefacenti ed attenzionata dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Perugia, verrà scortata anch’essa attraverso un volo charter verso la Nigeria.

 

Nell’ambito del costante impegno della Polizia di Stato volto alla neutralizzazione dei soggetti stranieri pericolosi, particolare attenzione è rivolta allo strumento, che si è rivelato molto efficace, del rimpatrio nei Paesi di origine, utilizzato nel quadro complessivo delle strategiche attività preventive e repressive.

 

Nello specifico, dall’inizio dell’anno, la Questura di Perugia ha rimpatriato, o collocato presso i CPR in attesa di rimpatrio, 84 cittadini extracomunitari irregolari sul territorio dello Stato.

 

  (111)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini