Dal nostro inviato speciale GILBERTO SCALABRINI

1FOLIGNO, 24 ottobre 2019 –  Su cinque imprenditori agricoli, solo uno ha 40 anni. Lo ha detto alla conferenza stampa di presentazione del programma “Frantoi Aperti”, il Ministro delle politiche agricole, Teresa Bellanova. L’accesso alla terra, dunque, rimane il fattore critico principale e, dall’antica abbazia di Santa Croce di Sassovivo a Foligno, il Ministro ha lanciato un appello affinché «anche i figli dell’èlite facciano impresa a sostegno della redditività». Molto preparata e competenete in materia, la Bellanova ha affrontato diversi temi, tutti sciorinati con grande sintesi e con un linguaggio semplice, senza mai parlare in politichese. Ha esordito affermando che «da ottobre a dicembre in Umbria si vive un momento di grande festa, che va dalla raccolta delle olive fino all’arrivo dell’olio nuovo, un bene prezioso. È il momento in cui grazie all’evento Frantoi Aperti presentiamo i nostri paesaggi rurali ai turisti e gli facciamo conoscere l’olio extravergine di oliva, che è la base sana della dieta mediterranea. È importante per i nostri territori avere delle buone pratiche agricole, ma per troppo tempo abbiamo sottovalutato l’abbandono dei territorio agricolo, poi ci strappiamo le vesti quando sono causa di disastri».

2Parlando di turismo rurale, ha detto che la peculiarità dell’offerta sta nella scoperta dell’ambiente fisico ed umano, notevolmente apprezzata dove c’è una buona agricoltura. E’ importante, inoltre, far conoscere la dieta mediterranea che, unita allo stile di vita, rappresenta grandi benefici per la salute. Innegabile, dunque, che «serve attenzione assidua al territorio e azioni a sostegno del reddito degli agricoltori per gli investimenti. Questo è l’impegno che abbiamo, affinchè i giovani siano sempre più stimolati a riprendere in mano i terreni. Il mio obiettivo, – ha proseguito – è di investire nella filiera, nel sostenere la sinergia tra le piccole imprese, che in realtà sono i “veri giganti” della qualità, per arrivare in maniera sinergica al mercato del Made in Italy.

3Il mio primo obiettivo è sostenere con maggiore forza la tracciabilità di tutta la filiera produttiva, l’etichettatura di origine, poi una battaglia di sistema sui dazi, perché essi, oltre a creare danno ai produttori italiani, incentivano, negli Stati Uniti e negli altri paesi, l’acquisto di prodotti alimentari di minore qualità, con le conseguenze per la salute che ben conosciamo». La Bellanova è stata anche molto chiara sulle frodi alimentari: «La lotta alla contraffazione deve essere in cima alle nostre priorità per difendere i consumatori e le imprese che lavorano duramente e nelle regole. Abbiamo un sistema di controlli tra i migliori al mondo». Infine, parlando di dazi, vuole incontrare il Presidente Trump per spiegargli «che i nostri prodotti sono espressione del territorio e della cultura del nostro Paese. Sono prodotti sani e buonissimi, quindi l’America non può spingere i suoi cittadini verso il cibo spazzatura. All’Unione Europea, invece, chiederò di intervenire per tutelare il reddito dei nostri produttori e quindi la qualità del nostro cibo».

A raccontare questa edizione di Frantoi Aperti è stato Paolo MorbidoniPresidente dell’Associazione Strada dell’Olio evo Dop Umbria, che ha detto:
“Presentiamo quest’anno la XXII edizione di Frantoi Aperti, una delle più belle mai realizzate in questi anni, valorizzata oggi dalla presenza del Ministro, per la prima volta nella storia dell’evento. Un’edizione extra large di Frantoi Aperti. Una grande taglia non solo per quanto riguarda la durata (sette week), ma anche per i contenuti, che andranno a comporre, per più di un mese, una vera e propria kermesse della qualità: del cibo, dei territori e delle aziende che si snoderà per tutta l’Umbria, dal Trasimeno alla Provincia di Terni.

Due anni fa, in occasione della XX edizione avevamo promesso di lavorare per innovare il format e rendere la manifestazione sempre più una chiave di lettura originale di un territorio e non solo di conoscenza e valorizzazione dell’olio extravergine di oliva. Con l’edizione di quest’anno possiamo dire di aver completato la metamorfosi. Frantoi Aperti è oggi un evento rivolto ad un pubblico più giovane, più informato, più consapevole. È una vetrina permanente per quelle aziende che negli ultimi anni hanno fatto scelte radicali di innovazione e hanno spinto in maniera importante sull’accoglienza.”

Ad intervenire poi per portare i saluti delle istituzioni: Lorenzo Schiarea, Presidente del Consiglio comunale di Foligno e Fernanda Cecchini, Assessore all’agricoltura della Regione Umbria. (76)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini