Il Festival si terrà il 26 ottobre al Lyrick di Assisi mentre il Dopo Festival il 27 ottobre presso il Centro Commerciale Collestrada

red-ronnieASSISI, 26 ottobre 2019  – Erano 165 i cantautori in gara ma solo 12 saranno i finalisti che si contenderanno la vittoria nella seconda edizione di “ProSceniUm Città di Assisi – Festival della canzone d’autore”, il concorso canoro nazionale che si terrà il prossimo 26 ottobre al Teatro Lyrick di Assisi (ore 21) e che prevede il “Dopo Festival”, in programma il pomeriggio del giorno successivo (domenica 27 ottobre, dalle ore 17) al Centro Commerciale Collestrada. Si tratta di: “Joba” di Trento, pseudonimo di Giovanni Balduzzi, con la canzone “Sempre più speciale”; “Chiara White” di Fiesole (Firenze), pseudonimo di Chiara Cavallina, con “Chiedimi ancora”; “Jampa” di Firenze, pseudonimo di Gian Pasquale Capolongo, con “L’ultimo saluto”; Antonello Condoluci ed Adelaide Capasso di Rosarno (Reggio Calabria) con “Assomigliami adesso”; Eleonora Toscani di Pineto (Teramo) con “17 pezzi”; “Franklin” di Manfredonia (Foggia), pseudonimo di Alessandro Di Lascia, con “Cieco”; “Joe Balluzzo” di Roma, pseudonimo di Giuseppe Puzzo Balluzzo, “Oggi è un altro giorno”; “Marco Croma” di Roma, pseudonimo di Marco Battilocchi, con “Avrai bisogno della notte”; “Mikyami“, ovvero Michela Parisi e Ylenia Mangiacotti, di San Marco in Lamis (Foggia) con “Risplendere”; “Porthos” di Siena, pseudonimo di Giuseppe Pugliese, con “Domino”; Federico Proietti di Roma con “Ispirazione”; “LaPard” di Viareggio (Lucca), pseudonimo di Elena Pardini, con “Ritrovata”.

mauro-casciariIl Festival è ideato ed organizzato dall’Associazione “ProSceniUm – Progetto Scenico Umbro”, fondata dagli umbri Roberto Lipari e Loredana Torresi (direttori artistici), Gianni Marcantonini e Federico Castagner (direttori di produzione), Andrea Vitali e Niccolò Borghi (performer). Ha il patrocinio della SIAE, della Regione Umbria, della Provincia di Perugia, del Comune di Assisi, della Cna Umbria e della Camera di Commercio di Perugia. Main sponsor della serata è UniCredit. Media partner della manifestazione: Radio Subasio.

L’ORCHESTRA E LA GIURIA – I 12 finalisti si esibiranno al Lyrick dal vivo, accompagnati da un’orchestra ritmo sinfonica composta da 35 musicisti (lo scorso anno erano 30), condotta dal maestro Paolo Ciacci, titolare della cattedra di “Strumentazione e composizione per orchestra di fiati” presso il Conservatorio “Morlacchi” di Perugia. A giudicarli ci sarà una giuria di esperti formata da: Alessandro Bracci (presidente), direttore della sede interregionale della SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) di Roma, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana; Red Ronnie, conduttore, critico musicale e giornalista, uno dei più autorevoli e stimati esperti di storia della musica leggera italiana, che il pomeriggio prima della finale incontrerà i cantautori in gara; Roberto Pagani, tastierista ufficiale di Claudio Baglioni, Beppe Dati, compositore e paroliere, vanta 3 Festival di Sanremo vinti, un’opera musicale e più di mille canzoni scritte; Stefano Pozzovivo, speaker di Radio Subasio; Fra Alessandro Giacomo Brustenghi, il primo frate ad aver firmato un esclusivo contratto discografico con una delle principali etichette discografiche mondiali, nello specifico la Decca Records appartenente alla Universal Music.

 

I PRESENTATORI – Sarà Pino Insegno il conduttore della serata assisana del “ProSceniUm Città di Assisi – Festival della canzone d’autore”, affiancato da Loredana Torresi, anche direttore artistico della kermesse insieme a Roberto Lipari. Insegno, attore di formazione teatrale (campo nel quale è attivo sin dal 1981), ha raggiunto il massimo successo in qualità di comico, specie insieme al gruppo della “Premiata Ditta”; si è poi affermato anche come doppiatore – prestando la voce tra gli altri a Will Ferrell e Viggo Mortensen – e dagli anni duemila anche come conduttore televisivo di programmi “Zecchino d’Oro”, “Domenica In”, “Mercante in fiera” e “Reazione a catena – L’intesa vincente”. Insegno, nato a Roma il 30 agosto del 1959, è un artista poliedrico di rara maestria che saprà incantare, come sempre, il pubblico con la sua straordinaria presenza scenica e la sua inconfondibile voce.

A Francesco Facchinetti – producer, cantante ed influencer da un milione di follower – toccherà la guida del “Dopo Festival”, affiancato sempre da Loredana Torresi, in programma il pomeriggio del giorno dopo (domenica 27 ottobre) al centro commerciale Collestrada, durante il quale i cantanti in gara avranno l’opportunità di esibirsi nuovamente e dove saranno assegnati i premi in base al voto della giuria popolare. L’artista milanese, quindi, sarà presente sia sabato sera ad Assisi sia domenica in veste di conduttore.

 

GLI OSPITI – Sabato sera saranno presenti artisti del calibro di Ron, uno tra i più raffinati cantautori italiani con una carriera lunga 50 anni e 26 album registrati in studio, reduce dal suo tour intitolato “Lucio!! il Tour”, un omaggio all’amico di sempre, Lucio Dalla; e di Francesco Facchinetti, producer, cantante ed influencer da un milione di follower. L’artista milanese sarà presente sia sabato sera ad Assisi sia domenica in veste di conduttore del “Dopo Festival”, in programma presso il Centro Commerciale Collestrada, durante il quale i cantanti in gara avranno l’opportunità di esibirsi nuovamente e dove saranno assegnati i premi in base al voto della giuria popolare. E poi ancora Mauro Casciari, intrattenitore, autore e regista, attualmente impegnato a Radio Rai 2 con la trasmissione pomeridiana “Numeri Uni”; ed il cantautore fiorentino Lorenzo Baglioni, che ha recentemente affrontato il tema della dislessia nella sua “L’arome secco sè” (ironica canzone di rara sensibilità e di grande impatto emotivo). Saranno presenti anche ospiti internazionali come Roger Wright, performer, cantante, compositore ed attore londinese. E’ noto al grande pubblico per la sua interpretazione di “Simba” nel cast originale del musical “The Lion King” nel West; Eric Appapoulay, compositore e cantautore inglese, è la chitarra solista di Cat Stevens dal 2005.

 

I PREMI – Premio SIAE “Miglior canzone” (vincitore assoluto): sarà assegnato dai cantanti in gara e dalla giuria di qualità, premio in denaro di 2mila euro. Premio UniCredit “Miglior testo”: sarà assegnato dal presidente di giuria, premio in denaro di 500 euro. Premio Satiri “Migliore musica”: sarà assegnato dai Maestri orchestrali, premio in denaro di 500euro. Premio Centro commerciale Collestrada “Voto Giuria Popolare”: sarà assegnato dal pubblico tramite televoto, buono acquisto da 300 euro da spendere nei negozi del Centro Commerciale. Premio Radio Subasio “Canzone più radiofonica”: sarà assegnato da una giuria composta dagli speaker della radio, partner della manifestazione. Premio Ebox “Migliore interpretazione”. Premio di partecipazione per tutti i concorrenti: Gift Card del valore di 200 euro, 100 euro o 50 euro, a seconda della posizione raggiunta nella speciale classifica del premio “Centro Commerciale Collestrada”, da spendere nei negozi del centro commerciale.

 

IL PRIMO PREMIO – E’ stato l’artista umbro Giampiero Magrini a realizzare l’opera d’arte con cui sarà premiato il vincitore della seconda edizione del “ProSceniUm Città di Assisi – Festival della canzone d’autore”. Artista eclettico dotato di estro e di ingegno multiforme, Magrini sa perfettamente fondere le antiche tecniche dell’affresco e del mosaico che conferiscono alle sue opere un fascino poetico e una struggente nostalgia. Musicista, pittore, scultore, editing videomaker ed esperto di computer grafica, Magrini è un artista completo che riesce sapientemente ad abbracciare epoche e filosofie all’apparenza molto lontane tra loro, riuscendo al contempo a rimanere sempre focalizzato sulla sua idea artistica dai sapori di antiche memorie rinascimentali.

 

LA SOLIDARIETA’ – Cardine del “ProSceniUm Città di Assisi” – oltre che la musica – è la solidarietà. Gli organizzatori del Festival anche quest’anno hanno deciso di assegnare, oltre ai tradizionali premi musicali, un riconoscimento ad un’associazione italiana no profit che abbia diffuso, in qualsiasi modo, il messaggio francescano dell’amore, della fraternità e del rispetto tra gli esseri umani. Il premio “Canticum – Birra Flea” quest’anno è stato assegnato all’AID (Associazione Italiana Dislessia) con la seguente motivazione: “Per aver promosso la ricerca e la formazione nell’ambito dei servizi sanitari, riabilitativi e scolastici sensibilizzando l’opinione pubblica sul problema della dislessia evolutiva”. A ritirare il premio sarà Lorenzo Baglioni, che ha recentemente affrontato il tema della dislessia nella sua “L’arome secco sè” (ironica canzone di rara sensibilità e di grande impatto emotivo).

 

I PATROCINI E GLI SPONSOR – Il concorso canoro è stato realizzato e prodotto dall’associazione “ProSceniUm – Progetto Scenico Umbro” di Assisi. Il Festival ha il patrocinio della SIAE, della Regione Umbria, della Provincia di Perugia, del Comune di Assisi, della Cna Umbria e della Camera di Commercio di Perugia. Main sponsor della serata è UniCredit. Media partner della manifestazione: Radio Subasio. Gli altri sponsor e partner sono: Lorena Antoniazzi, Satiri Auto, Ciam Rifrigeration Design, Promovideo Multimedia & Communications, Birra Flea, Lube Store Collestrada, Castello di Rosciano, Humilis Made in Assisi, centro commerciale Collestrada, Grafox Digital Print, Custos Istituto di Vigilanza, Ebox Instore, Tecnoadsl, Cuisine Ottantatre, New Wave audio & lighting service, Ceramiche Viva Italy, Lg furgonoleggio autonoleggio, Ncm Numerical Contro Manuf.cturing, Metalprogetti, Azimut Investimenti, Mediazione Linguistica, Italian Display, Servizi Associati, Innamorati Pazzi, Antonello Orlandi, Le Stampe di Alice, Hotel Valle di Assisi, Sir Safety System, Security Control, H.Pierre Informatica per il commercio, Sede Pegaso Uni centro studi Olympo, Il Cantico di San Francesco, Ristorante del Golf, Photo Veg Video, Centumbrie, Massinelli.

I biglietti sono in vendita su www.ticketitalia.it e www.ticketone.com

 

  (334)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini