SEIMILA GIOVANI DA 0 A 19 ANNI PER L’ANNIVERSARIO DEI 30 ANNI DALLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO CESTINI: “OGGI TROPPI MURI DIVIDONO LE PERSONE, VOGLIAMO CHE LE NUOVE GENERAZIONI ESERCITINO UNA CITTADINANZA CONSAPEVOLE E RESPONSABILE”

1CITTÀ DI CASTELLO, 6 novembre 2019 – Con lo slogan “Basta muri”, da venerdì 8 a domenica 10 novembre Città di Castello darà vita a una grande mobilitazione in occasione della ricorrenza dei trent’anni dalla caduta del muro di Berlino, che, attraverso iniziative pubbliche e momenti di riflessione, coinvolgerà circa 6 mila giovani da 0 a 19 anni: dai bambini dei nidi comunali agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado. “Contro i muri che oggi dividono le persone a livello fisico e relazionale, il Comune ha aderito al programma di eventi promosso dal Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, che si propone di contrastare le troppe barriere che oggi minacciano i nostri diritti e la nostra libertà”, dichiara l’assessore alla Scuola Rossella Cestini nel sottolineare come “Città di Castello sarà protagonista di una iniziativa unica in Umbria e nel resto della Penisola, che darà rinnovato impulso al programma cittadino di ‘Educazione alla Cittadinanza’ avviato all’inizio dell’anno in collaborazione le scuole del territorio, la provincia di Perugia e il Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, con l’obiettivo di fare in modo che i nostri giovani possano diventare cittadini consapevoli e responsabili, capaci di prendersi cura del bene comune e della comunità cui appartengono”.

Nello spirito della grande festa popolare che caratterizzò l’abbattimento del muro di Berlino il 9 novembre del 1989, anche Città di Castello darà vita a una festa della fratellanza, della libertà e della pace, che metterà in risalto e valorizzerà le esperienze positive, le sensibilità e le progettualità espresse dalla comunità educativa, in tutte le sue articolazioni. Da venerdì 8 novembre a domenica 10 novembre l’atrio del palazzo comunale in piazza Gabriotti ospiterà un’esposizione dal titolo “Muri oltre il muro”, che sarà curata dagli studenti e dagli insegnanti del 1° Circolo Didattico San Filippo e del 2° Circolo Didattico Pieve delle Rose, con le scuole dell’infanzia e primarie, dell’Istituto Comprensivo Alberto Burri di Trestina, dell’Istituto San Francesco di Sales, dell’Istituto di Istruzione Superiore Patrizi Baldelli Cavallotti. Venerdì 8 novembre, dalle ore 10.30, all’Istituto Comprensivo Alberto Burri di Trestina si terrà l’evento dal titolo “Oltremuro”, con performance musicali e letture animate presso la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado della frazione tifernate, nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria di San Leo Bastia, nella scuola primaria di Badia Petroia-Morra.

Nella stessa mattinata gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Patrizi Baldelli Cavallotti daranno vita a una assemblea scolastica autogestita nell’ambito della quale saranno presentati i lavori delle classi quinte e il murale realizzato dagli allievi dell’istituto Baldelli. I piccoli dei servizi educativi per l’infanzia del Comune saranno protagonisti di una riflessione sul tema “Oltre il muro”. Sabato 9 novembre, nella “Giornata della libertà” contro ogni oppressione e totalitarismo proclamata dal Parlamento italiano, dalle ore 11.00 alle ore 11.30 gli studenti del Polo Tecnico Franchetti Salviani promuoveranno un flash-mob sul tema dei muri in largo Gildoni. Nel fine settimana al Liceo Statale Plinio il Giovane verranno curati approfondimenti in classe sui temi della mobilitazione, mentre gli allievi della scuola secondaria di primo grado Alighieri Pascoli svolgeranno laboratori di storia e cittadinanza sul tema “Muro e muri nella storia e tra noi”. (138)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini