1FOLIGNO, 9 novembre 20190 – La taverna dei Trinci gremita di affezionati lettori di ECO, che ha dedicato l’ultimo numero del 2019 all’AUTUNNO- TIPICITA’ DELLA NOSTRTA TERRA. A presentare il magazine è stato il giornalista Gilberto Scalabrini, direttore di Umbria Cronaca e del supplemento cartaceo da collezione. “All’interno –ha esordito il noto giornalista- si parla di olio, vino, funghi, sedano nero, tartufo, castagne, fagiolo di Cave, patata rossa di Colfiorito, lenticchie, latte, api e miele, cipolla di Cannara, agricoltura 4.0, mulino Buccilli e si chiude con alcune interessanti ricette di casa nostra. Vorrei sottolineare come dopo l’avvento di internet, il mestiere dell’editore è diventato un mestiere difficile. Fortunatamente, alla guida del timone di ECO ci sono mani solide, sono quelle dell’editore Paolo Tosti. Complicato anche il lavoro del giornalista -ha sottolineato Gilberto Scalabrini- perché preparare un buon giornale è come montare gli ingranaggi di un orologio. Ogni ingranaggio deve essere al posto giusto, altrimenti non funziona”.

2Hanno poi preso la parola il dott. Pietro Clarici, il quale ha parlato della qualità dell’olio. Sui benefici riguardanti la saluti, quindi l’extravergine come prevenzione con infarto, tumori e invecchiamento precoce, ha parlato il cardiologo Eugenio Branca. Sull’agricoltura 4.0 è intervenuto l’avvocato Paolo Spacchetti, mentre sul mulino Buccilli e le belle foto di Sante Castignani, molto eloquente è stato il discorso dell’avvocato Giovanni Picuti. Altro intervento interessante, quello di Luciano Loschi, presidente del gruppo micologico naturalistico folignate e della Accademia italiana piante spontanee.

3Quella di Loschi è stata quasi una lectio magistralis, perchè dall’alto della sua cultura sui funghi, ha intrattenuto il pubblico sul cibo funzionale per il nostro benessere. Ha anche messo in guardia sui funghi non commestibili. Subito dopo, la giornalista Pia Fanciulli, ha messo in risalto le amate tradizioni di Brabanera, l’astrologo dell’Appennino che, dal 1885, dà consigli per la semina e la raccolta. Infine, ha speso due parole sulla copertina l’Art director del giornale, il professor Pierpaolo Ramotto, insegnante di pittura all’Accademia di Firenze. Ha spiegato come la ricostruzione storica dei prodotti autunnali, è animata da una bella donna, la signora Stefania Diamantini. La copertina, infatti, ha molti tratti caravaggeschi, ma il professore ha cercato di smorzare i paragoni con la grande pittura.

45 (136)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini