15-bisNORCIA, 13 novembre 2019 – Domani, giovedì 14 novembre, si presenterà a Norcia il corso internazionale sulla protezione del patrimonio culturale in situazioni di emergenza (FAC2019). L’evento si terrà presso la sede dell’USR – Umbria, alle ore 18:00 alla presenza di Nicola Alemanno, sindaco di Norcia; Alfiero Moretti, Direttore regionale Protezione civile e Coordinatore Ufficio Speciale Ricostruzione – Umbria; Marica Mercalli, Soprintendente beni culturali; Guido Barbieri, Tenente Colonnello Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale – Nucleo di Perugia; Filippo Battoni, dirigente USR-Umbria Servizio opere pubbliche e beni culturali; Michele Zappia, Comandante provinciale Vigili del Fuoco, Aparna Tandon, Project Manager – ICCROM.

Il corso, partito l’11 novembre a Roma con una inaugurazione presso l’Istituto Superiore Antincendi dei Vigili del Fuoco, è arrivato alla sua ottava edizione. Lo scopo del corso è lo sviluppo delle capacità di resilienza nelle comunità per la protezione del patrimonio culturale in situazioni di disastro ed emergenza. Oltre ai partner internazionali, rappresentati dalla Swedish Postcode Foundation, dalla Smithsonian Cultural Rescue Initiative (SCRI) e dal Prince Claus Fund for Culture and Development, L’ICCROM conta sulla collaborazione dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA); ICOMOS-ICORP; del Dipartimento della Protezione Civile; del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MiBACT), attraverso la Soprintendenza Speciale Sisma 2016, la Soprintendenza SABAP Umbria e la Segreteria Regionale Lazio; dell’Istituto Superiore Antincendi; dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale; della Croce Rossa Italiana (CRI); del Comune di Norcia e dell’Ufficio Speciale Ricostruzione – Umbria.

I 16 partecipanti, specialisti nei settori del patrimonio culturale e della conservazione, della protezione civile, della gestione del rischio di catastrofi, degli aiuti umanitari e dello sviluppo urbano sono stati selezioni tra 193 candidature. Provengono da 14 paesi – 13 dei quali Stati membri dell’ICCROM- distribuiti nei cinque continenti, tra cui: Cile, Egitto, Estonia, Georgia, Georgia, Honduras, India, Iraq, Italia, Giappone, Spagna, Siria, Trinidad e Tobago, Stati Uniti d’America.

La fase di formazione a Roma e Norcia è parte di un complesso programma della durata totale di nove mesi. La prima fase ha avuto luogo all’inizio di quest’anno con un processo di tutoraggio pre-corso che ha permesso a tutti i partecipanti di familiarizzare con i concetti chiave del mondo della conservazione del patrimonio culturale, della gestione del rischio di catastrofi e dell’aiuto umanitario. Nella fase finale, successiva al corso, i tirocinanti di primo soccorso trasmetteranno le loro conoscenze attraverso successivi corsi di formazione nei loro paesi e nelle loro istituzioni di origine. L’attività si concluderà il 6 dicembre p.v.

Per ulteriori informazioni sul programma dell’ICCROM di Pronto Soccorso e Resilienza per il Patrimonio Culturale in tempi di Crisi (FAR), siete pregati di visitare il sito: https://bit.ly/2WRaZip (135)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini