Lotta contro un tumore aggressivo e deve andare all'estero ma i costi sono esorbitanti rispetto alla disponibilità della famiglia. Deborah ha due bimbe: Ilaria di 13 anni e Vittoria di 21 mesi. Ecco come aiutarla

1Foligno, 3 dicembre 2019  – La storia di Deborah Bonucci è quella di una giovane mamma di Sant’Eraclio che sta combattendo da un anno la sua battaglia contro il tumore al seno che l’ha colpita dopo la nascita della seconda figlia.  Vittoria aveva solo 5 mesi quando Deborah inizia ad accusare dolore al seno durante l’allattamento: dopo diverse cure antibiotiche per risolvere ciò che si pensava essere una semplice mastite, il dolore non passa e Deborah decide di rivolgersi a una senologa. La diagnosi è purtroppo quella di un cancro al seno di 5 cm a cui si aggiungono, in seguito a successivi accertamenti, anche delle metastasi ai polmoni. Dopo 5 mesi di terapie la malattia non si arresta e Deborah viene sottoposta a un intervento di mastectomia e dissezione ascellare; viene inserita anche in un protocollo sperimentale presso lo IEO di Milano, ma anche questa terapia non dà i risultati sperati e la malattia continua ad avanzare. Da quel momento ha provato altri 3 tipi di chemioterapia ma niente riesce ad arrestare il progredire delle metastasi ai polmoni che nel frattempo sono diventate innumerevoli.

Deborah e la sua famiglia, suo marito Marco e le sue due bimbe Ilaria di 13 anni e Vittoria ora di 21 mesi, non si arrendono e decidono di rivolgersi all’estero. Israele ora rappresenta la speranza perché può offrirle delle cure innovative attualmente non disponibili in Italia; Deborah ha già fatto un primo viaggio a Tel Aviv per sottoporsi agli esami previsti prima di poter iniziare le cure. L’unico ostacolo ora è rappresentato dai costi che sono esorbitanti rispetto alla disponibilità della famiglia; per questo parenti e amici si sono mobilitati e tramite la pagina fb “Tutti insieme per Deborah” stanno chiedendo un aiuto per sostenere la causa di Deborah. A oggi, anche Francesco Renga, I gemelli di Guidonia, Maurizio Mattioli, Antonio Lo Cascio, Massimo Boldi, Alessandro Petacchi, Giorgia Wurth, Giacomo Santini e Andrea Paris hanno postato nella pagina un video di saluto e di incoraggiamento a non mollare.

Il tempo in questi casi è davvero fondamentale, prima potrà iniziare la cura e maggiori saranno le possibilità di successo!
Chiunque desideri sostenere Deborah può farlo con una donazione:
1) sostenendo la campagna al seguente link: https://bit.ly/37Z8Kyu
2) oppure facendo un bonifico al seguente IBAN:
IT12L0311121700000000002234 – BENEFICIARIO BONUCCI DEBORAH
indicando nella causale: “Donazione volontaria per cure mediche Deborah Bonucci” (89)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini