Avviato dal Comune un intervento importante di manutenzione delle strade vicinali ad uso pubblico su tutto il territorio comunale. “Sarà tuttavia un intervento inutile se i frontisti non effettuano i lavori necessari alla corretta regimentazione delle acque sui loro terreni”

1Marsciano, 10 dicembre 2019 – È l’assessore ai lavori pubblici e alle manutenzioni, Francesca Borzacchiello, a tornare sulla problematica della corretta conduzione di fossi, canali e solchi di scolo all’interno e ai margini dei campi da parte dei proprietari di terreni e dei frontisti delle strade. Lo fa annunciando che sono in atto una serie di importanti manutenzioni, da parte del Comune in collaborazione con l’Agenzia Forestale regionale, delle strade vicinali ad uso pubblico, di maggior transito, su tutto il territorio comunale. Si tratta di un intervento che riguarderà alcune decine di chilometri di strade e che prevede l’uso di un particolare macchinario che gratta il piano stradale e, con una pala, lo sistema e lo livella, chiudendo le buche e ripristinando migliori condizioni per una percorrenza in sicurezza.

“Le piogge intense di novembre – spiega l’assessore Borzacchiello – hanno reso urgente questa manutenzione straordinaria sulle strade vicinali. Un grande impegno, visti i tanti chilometri su cui intervenire, che tuttavia risulterà quasi del tutto vano se i proprietari dei terreni che confinano con queste strade non interverranno con le necessarie opere di regimentazione delle acque di loro competenza, evitando così che dai campi le acque si riversino sulla strada contribuendo a causarne il dissesto.

Quello che rivolgo è quindi un appello a tutti i frontisti delle nostre strade vicinali affinché, per la parte che gli compete, garantiscano la corretta conduzione dei propri fondi, con la creazione di solchi e canali di scolo”.

Naturalmente il Comune farà la sua parte per monitorare che anche gli enti deputati alla manutenzione del demanio pubblico svolgano una corretta pulizia e conduzione di fossi e canali. (98)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini