2Terni,10 dicembre 2019  –  Sono fastidiose e coinvolgono almeno una donna su dieci. Parliamo delle disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, patologie molto diffuse, specialmente nel sesso femminile, con sintomi caratterizzati da rumori e dolori davanti l’orecchio mentre si mangia, nevralgie, cefalee, limitazione dell’apertura della bocca, dolori al collo o alle braccia. Una diagnosi corretta eseguita dall’odontoiatra gnatologo o dal chirurgo maxillo-facciale si basa su una dettagliata anamnesi del paziente ed uno scrupoloso esame obiettivo. A questo si possono aggiungere esami strumentali quali l’elettrognatografia o la risonanza magnetica. Il trattamento è per il 90% dei casi funzionale mediante splint occlusali associati a fisioterapia. Gli stadi più gravi di disfunzione possono essere trattati con terapie chirurgiche mininvasive (artrocentesi ed artroscopia) oppure con un intervento funzionale a cielo aperto di riposizionamento del disco.
Questi i temi al centro del congresso GISOS che si svolgerà sabato 14 dicembre al Garden Hotel di Terni (ore 8,30-17,00) che vede come responsabile scientifico il dottor Fabrizio Spallaccia, membro della prestigiosa ESTMJS (società europea dei chirurghi dell’ATM) che include solo 4 chirurghi italiani, e direttore della struttura complessa di Chirurgia maxillo-facciale dell’Azienda ospedaliera S.Maria di Terni. Una struttura che è già da anni centro di riferimento nazionale per il trattamento di queste patologie, disponendo di un ambulatorio dedicato che è gestito da un consulente odontoiatra gnatologo con esperienza trentennale e dall’equipe chirurgica diretta dallo stesso dottor Spallaccia.
Lo scopo del congresso è quello di mettere a fuoco lo stato dell’arte sul trattamento di queste patologie e informare i colleghi medici ed odontoiatri provenienti dall’Umbria e da tutta Italia sulle più innovative tecniche chirurgiche e non che sono oggi disponibili per risolvere questo fastidioso problema che coinvolge almeno una donna su dieci.

(96)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini