Dati e valutazioni nella conferenza stampa di fine anno. Presiudente Bacchetta: “Il legislatore deve ridare dignità a questo ente strategico per i cittadini”

1Perugia, 17 dicembre 2019 – “Le risorse a disposizione della Provincia di Perugia sono tornate ad essere più cospicue, facendo registrare un’inversione di tendenza per questo ente. In tutto il 2019 si sono avuti importanti investimenti nella viabilità per oltre 54 milioni di euro, più di 12 milioni per l’edilizia scolastica e 9 milioni sul patrimonio dell’ente”. A parlare è il presidente Luciano Bacchetta in occasione della conferenza di fine anno tenuta nella giornata di oggi nella sala Falcone Borsellino del palazzo di Piazza Italia. Al suo fianco il vice presidente Sandro Pasquali e i consiglieri Erika Borghesi, Letizia Michelini e Federico Masciolini. Parallelamente ai volumi di investimenti che muove la Provincia, c’è da registrare una diaspora dei dipendenti negli ultimi anni. “Abbiamo poco personale (rimasti in 465), gran parte trasferito ad altri enti oppure andati in pensione. Rimane difficile, pertanto, dare risposte. Un ruolo importante è rivestito nelle gare come stazione unica appaltante che è di aiuto soprattutto ai piccoli Comuni”. Tra le criticità segnalate c’è anche quella del doppio ruolo di Sindaco e Presidente della Provincia, imposto dalla legge 56. “Deve essere rivisto il ruolo del presidente – ha detto ancora Bacchetta – che deve tornare ad essere rieletto direttamente dai cittadini poiché così diventa difficile esplicare al meglio questa funzione visto l’impegno richiesto nel territorio amministrato in qualità di sindaco”.

2Concetti ripresi dal vicepresidente Sandro Pasquali che oltre ad auspicare una rapida soluzione affinché le Province tornino ad avere il ruolo che gli spetta, ha sottolineato come gli attuali amministratori che operano praticamente a titolo di volontariato si sentano comunque orgogliosi dei risultati ottenuti. Una soddisfazione espressa anche dalla consigliera Borghesi data anche dal fatto che avendo approvato il bilancio a luglio la Provincia di Perugia ha potuto investire centrando numerosi obiettivi nonostante la carenza di personale. Ha quindi tracciato l’impegno della Provincia sul fronte della viabilità per la quale sono in fase di ultimazione opere strategiche come la strada Pievaiola e le vie di comunicazione provinciali e regionali della Valnerina duramente compromesse dal sisma di tre anni fa. Alle 15 assunzioni del 2019, Masciolini ha dichiarato che sarà necessari provvedere ad ulteriori ingressi nella pianta organica da utilizzare anche in questo caso nell’area tecnica che vede ingenti investimenti sul fronte dell’edilizia scolastica. Nel portare solidarietà alla sindaca di Amelia, vittima di una brutale aggressione, Letizia Michelini ha parlato delle criticità nelle quali si dibatte la Polizia Provinciale a causa della mancanza di personale. “Nonostante ciò – ha spiegato – sono stati svolti servizi importanti, non ultimo quello dei controlli nei parchi contro i bocconi avvelenati che ha prodotto un grande risultato”. In sostanza la Provincia di Perugia si conferma una realtà che eroga servizi essenziali per i cittadini, affianca i Comuni con particolare attenzione ai più piccoli in molteplici attività come la Stazione appaltante, l’ufficio stampa e altri servizi di pubblica utilità come gli Sportelli del cittadino decentrati. “Una realtà territoriale – ha concluso Bacchetta – per la quale il legislatore dovrà rivedere e correggere l’attuale assetto istituzionale tornando all’elezione diretta dei propri rappresentanti”

 

SCHEDE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA

 656.382 abitanti

59 Comuni

6.337,15 chilometri quadrati di superficie

2.529,659 chilometri di strade di competenza di cui 1939,105 strade provinciali e 590,554 regionali

90 edifici scolastici per oltre 1.400.000 metri cubi,

10 tra palestre separate dai plessi e palazzetti dello sport

Investimenti per 79milioni di euro di cui:

54,7 milioni per la viabilità

12,4 milioni per l’edilizia scolastica

9,1 milioni per il patrimonio dell’ente

465 numero dipendenti al 31 dicembre 2019

35 pensionamenti nell’anno in corso di cui 3 dirigenti

15 nuove assunzioni nell’area tecnica

 BILANCIO 2019-2021

Il Bilancio di previsione 2019/2021 ha, nel triennio, un valore di circa 398 milioni di euro, dei quali circa 261 milioni per la spesa corrente, e 138 milioni circa, per la spesa per investimenti.

Dopo la gravissima crisi istituzionale e finanziaria vissuta dall’Ente nel triennio 2015-2017, che ne ha messo in discussione persino l’esistenza, la Provincia di Perugia ha pienamente riacquistato il proprio ruolo di ente di area vasta con competenze in settori fondamentali, quali la viabilità e l’edilizia scolastica, svolgendo appieno, peraltro, anche il ruolo assegnatole di “casa dei Comuni”, attraverso lo svolgimento della funzione di Stazione unica appaltante e di collaborazioni in diversi altri ambiti.

L’ingente mole di investimenti programmati nel triennio, dei quali 76 milioni circa solo per il 2019, testimonia il ruolo fondamentale svolto dall’Ente per l’economia e lo sviluppo del territorio, anche riguardo alla ricostruzione post-terremoto, dove la Provincia svolge appieno e con efficacia il ruolo di soggetto attuatore di numerosi interventi di investimento sia sulla viabilità che sull’edilizia scolastica.

INVESTIMENTI 2019

Viabilità               54,7 milioni

Edilizia scolastica   12,4 milioni

Patrimonio dell’Ente          9,1 milioni

CRITICITÀ’

Tuttavia alcune criticità finanziarie continuano a persistere.

La Provincia, infatti, continua a pagare annualmente allo Stato il cosiddetto contributo alla finanza pubblica disposto per effetto del D.L. 66/2014 e della Legge di stabilità 2015 – legge n. 190/2014, pari a 23,3 milioni/anno, per un totale di circa 70 milioni nel triennio. Si tratta di risorse drenate dalla Stato e tolte quindi agli investimenti e sviluppo del territorio.

Una seconda criticità è rappresentata dal mancato riconoscimento, ad oggi, delle spese sostenute dalla Provincia per la gestione delle funzioni delegate dalla Regione; si tratta di una spesa considerevole, calcolate in circa 5,5 milioni/anno. In sostanza la Provincia, gestisce tali funzioni, fra le quali la fondamentale funzione della Viabilità Regionale, in assenza di previsione di risorse da parte della Regione medesima. E’ in corso la predisposizione degli atti necessari al riconoscimento da parte della Regione di tali risorse.

INCREMENTO RISORSE PROPRIE PER LE FUNZIONI FONDAMENTALI

Nonostante le criticità sopra elencate, con il bilancio 2019/2021 è stato possibile destinare maggiori risorse rispetto ai bilanci passati, per il finanziamento della spesa per manutenzioni ordinarie e straordinarie sulle funzioni fondamentali dell’ente, e cioè la Viabilità Provinciale e l’Edilizia scolastica, oltre che a interventi di manutenzione sul patrimonio e all’adeguamento della dotazione software del sistema informativo dell’Ente.

Al netto di interventi esterni (finanziamenti statali e Regionali), il bilancio 2019 prevede infatti maggiori interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione sulla viabilità ed edilizia scolastica, finanziati con risorse proprie dell’Ente, per complessivi euro 4,8 milioni. Da un raffronto con gli anni precedenti, emerge il costante incremento dell’impiego delle risorse proprie dell’Ente per il finanziamento delle funzioni fondamentali. Tenuto conto delle criticità sopra espresse, si tratta di uno sforzo importante dell’Ente che riesce a incrementare di quasi 5 milioni la spesa per interventi su servizi fondamentali per i cittadini.

PERSONALE

Al 31 dicembre 2019 i dipendenti sono complessivamente 465.

A consuntivo 2018 il costo dei dipendenti ha inciso per il 22,01 per cento nel rapporto complessivo spese del personale ed entrate correnti.

Nell’anno in corso sono andati in pensione 35 dipendenti di cui 3 dirigenti.

Sono state assunte 15 persone assegnate all’area tecnica.

Nel 2020 andranno in pensione altri dipendenti di cui ulteriori 3 dirigenti.

Previa revisione non è esclusa la possibilità di procedere ad ulteriori assunzioni in particolare nell’ambito dell’area viabilità ed edilizia scolastica.

 

 VIABILITA’

La Viabilità rientra tra le funzioni fondamentali dell’Ente.

I chilometri di strade di competenza provinciale ammontano a un totale di 2.529,659 chilometri, di cui km 1939,105 strade provinciali e km 590,554 regionali.

Rispetto al triennio precedente, il 2019 è stato un anno caratterizzato da una significativa crescita delle risorse economiche messe a disposizione, ma ciononostante la maggiore criticità che permane a tutt’oggi è la mancanza di adeguate risorse finanziarie ed umane, necessarie a fronteggiare le numerose esigenze di un territorio molto vasto, con problemi di manutenzione sempre più grandi, connessi anche ad un dissesto idrogeologico non più controllato e controllabile.

Le attività svolte nell’anno che sta per concludersi sono le seguenti:

Attuazione degli interventi progettati e programmati per il 2018 e 2019:

  1. a) DM Mit 49/2018 “Finanziamento degli interventi relativi a programmi straordinari di manutenzione della rete viaria di Province e Città Metropolitane”, per un importo complessivo di euro 828.727,60 che ha consentito di pavimentare 38 km di strade provinciali nelle zone 1 (Trestina, Gubbio), 2 (Lago Trasimeno e Perugia), 3 e 4 (Foligno e Todi), 5 (Spoleto e Norcia).

Per il 12019 sono stati finanziati sempre con DM Mit 49/2018 euro 4.571.819,04 che consentirà di intervenire sulle pavimentazioni di circa 100 Km di strade provinciali, con una media di oltre un milione di euro a zona.

Con DGR 436/2018 “Finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria della viabilità regionale di cui alla Legge Regionale 28 dicembre 2017, n. 19 “Bilancio di previsione della Regione Umbria 2018-2020” sono stati finanziati euro 2.463.803,38 che hanno permesso di intervenire sulle pavimentazioni di circa 40 km di strade regionali della zona 1 (Trestina e Gubbio), zona 2 (Lago Trasimeno e Perugia), zona 3 e 4 (Foligno e Todi), zona 5 (Spoleto e Norcia) nel 2018.

Per l’annualità in corso sono stati stanziati euro 2.174.326,39 che hanno consentito di intervenire sulle pavimentazioni di circa 35 Km di strade regionali.

  1. b) Redazione ed approvazione dei Progetti Esecutivi di manutenzione straordinaria annualità 2019; per tutti gli interventi è in corso il procedimento di gara o di consegna dei lavori (i lavori verranno eseguiti primavera/estate 2020);

Ancora, con risorse ordinarie della Provincia pari a 840 mila euro si interverrà sulla pavimentazione di 18 km di strade provinciali.

  1. c) Altri interventi sono stati necessari a seguito degli eventi sismici del 2016. A tal fine, sono stati redatti ed approvati i Progetti definitivi relativi al IV stralcio funzionale di ripristino della viabilità: sulla SP 470 di Poggiodomo lavori di ripristino di opere d’arte ubicate tra il km 18+456 e il km 27+686 – ripristino piano viabile, rete protettiva scarpate e rete di rafforzamento corticale; importo finanziato € 1.287.165. Sulla S.P. N. 476/1 di Norcia – lavori di ripristino del corpo stradale tra il km10+000 e il km 21+60; importo finanziato € 802.450.
  1. d) Lavori di adeguamento S.R. 220 Pievaiola, tratto Capanne – Fontignano suddivisi in 4 lotti funzionali, per un importo complessivo di euro 8.919.867,86 e si prevede la fine dell’intera opera entro l’estate.

L’ente ha proceduto anche ad ammodernare il proprio parco mezzi per un importo complessivo finanziato di 285 mila euro: sono sono stati acquistati due nuovi trattori allestiti per il taglio erba ed arbusti e per il servizio neve, 1 escavatore e si sta allestendo il trattore acquistato nel 2018 per il servizio neve.

Relativamente alle attività di gestione ricorrente, le attività svolte sono: la manutenzione ordinaria di strade regionali e provinciali, manutenzione ordinaria dei mezzi d’opera in dotazione; aggiornamento del piano neve per la stagione invernale 2019-2020. Per tali attività alla data della presente sono state impegnate e pressoché spese risorse per un ammontare di € 3.400.000; analisi ed istruttoria di 1397 domande e relativo rilascio di n. 1280 nulla osta, pareri e concessioni stradali; 117 pratiche sono in attesa delle integrazioni richieste; analisi ed istruttoria delle domande ed emissione di n. 126 Ordinanze di regolazione del traffico ai sensi del Codice della Strada; analisi ed istruttoria delle domande ed emissione di n. 300 pareri ai fini dell’esecuzione di manifestazioni sportive, sociali e religiose; analisi ed istruttoria delle richieste di risarcimento danni ed emissione di n. 244 pareri a seguito di sinistri stradali(60 per fauna selvatica e 184 per varie cause attribuite alla mancanza di manutenzione).

Le risorse necessarie per riportare le strade di competenza ad un livello di normalità, ammontano ad oltre 100 milioni di euro e il reperimento di tali risorse non può essere più rinviato ad un piano pluriennale di interventi, se si vuole evitare provvedimenti fortemente limitativi, fino alla chiusura delle stesse strade, per motivi di sicurezza, in quanto le condizioni generali di manutenzione di gran parte delle stesse sono giunte al limite del collasso. Relativamente alle esigenze di personale, è opportuno segnalare per le unità assunte a tempo parziale, l’assoluta necessità della modifica del rapporto di lavoro a tempo pieno.

EDILIZIA SCOLASTICA

In base alla Legge Delrio (n. 56/2104) l’edilizia scolastica è una delle funzioni fondamentali delle Province.

Il patrimonio scolastico della Provincia di Perugia consiste in 90 edifici, per oltre 1.400.000 metri cubi, oltre a 10 palestre separate delle strutture e palazzetti dello sport.

Mantenere fruibili e sicure le scuole di propria competenza è il principale obiettivo dell’attività provinciale in materia di edilizia scolastica.

Proprio per questo anche nel 2019 gli interventi eseguiti o progettati da questo Ente sono stati rivolti al raggiungimento di questo risultato.

Da alcuni anni l’edilizia scolastica è di nuovo oggetto di finanziamenti e contributi statali, in genere assegnati alle Regioni e altre volte alle Province direttamente.

Nel corso del 2019 sono stati attivati Mutui BEI (Banca Europea Investimenti) dall’Ente di piazza Italia per complessivi € 7.242.420,33. Tale cifra è stata impiegata per la realizzazione di un nuovo edificio scolastico nella città di Perugia, l’ampliamento dell’Istituto di Istruzione superiore di Umbertide, il miglioramento sismico del Liceo musicale di Città della Pieve e l’adeguamento alla prevenzione incendi di altri tre Istituti.

Con Decreto del 4 marzo 2019, il Ministero dell’Interno ha provveduto ad assegnare alla Provincia di Perugia l’importo annuo per l’edilizia scolastica di 1.500.000,00 dei quali € 1.165.600,00 destinati ad investimenti per la sicurezza dei vari edifici.

Per quanto riguarda l’adeguamento alla normativa antincendio la Provincia di Perugia ha investito complessivi 490.000,00, provenienti dal Decreto MIUR n. 101 del 13.02.2019.

Sul fronte della ricostruzione post sisma 2016 sono in corso le procedure per l’attuazione degli interventi sugli edifici scolastici danneggiati, inseriti nelle Ordinanze Commissariali n. 33/2017 e n. 56/2018.

Passando alle risorse proprie della Provincia, nell’anno 2019 sono stati previsti interventi per complessivi 631.000,00 euro circa, anche con cofinanziamenti ad integrazione di altri contributi.

Tali interventi riguardano il Convitto Nazionale di Assisi (adeguamento palestra) per circa 181.000,00 euro e la nuova palestra per l’Istituto Alberghiero di Spoleto, con finanziamento della Provincia per € 450.000,00.

Uno dei principali interventi in materia di edilizia scolastica previsti nell’anno in corso riguarda la realizzazione di una nuova palestra scolastica nella città di Spoleto, con possibilità di utilizzo di questa struttura anche da parte di società sportive in orario extrascolastico e a disposizione delle esigenze di protezione civile.

Tale struttura è prevista in adiacenza all’edificio del Convitto dell’Istituto Alberghiero e potrà ovviare alla carenza di strutture sportive in prossimità del centro storico di Spoleto, e quindi per l’utilizzo dei numerosi istituti scolastici lì presenti.

L’importo complessivo dell’intervento è stato stimato in complessivi € 1.500.000,00, così finanziato:

– Provincia di Perugia:    € 450.000,00;

– Contributo Croce Rossa Italiana:     € 650.000,00;

– Contributo Comune di Spoleto: € 200.000,00;

– Contributo statale (DM 67/2017 e DM 376/2018):       € 200.000,00.

PATRIMONIO

Il Servizio Patrimonio ha indirizzato la sua attività nelle due principali competenze attribuite :

1) la gestione tecnica ed amministrativa degli immobili patrimoniali;

2) Gli interventi di verifica della vulnerabilità sismica delle Scuole e la loro messa in sicurezza relativamente all’antisfondellamento dei solai e per l’ottenimento dei certificati di prevenzione incendi.

Il totale degli interventi, interamente coperti da finanziamenti provenienti in larghissima parte da bandi di concorso pubblicati dai Ministeri o dalla Regione e vinti dalla Provincia, è pari ad 9.158.624 euro relativamente all’annualità 2019 del piano annuale degli investimenti ed a 15.479.810 euro sul piano triennale 2019 – 2020.

Tra gli interventi più significativi si evidenziano: l’ottenimento di un finanziamento da parte della Regione dell’Umbria di 4.750.301 euro per il miglioramento sismico del Palazzo della Provincia di Piazza Italia; .l’ottenimento di un finanziamento da parte della Regione dell’Umbria e del GSE di 1.041.800 euro per l’ efficentamento energetico della sede degli Uffici provinciali di via Palermo 86 e di 1.180.850 euro per l’ efficentamento energetico della sede degli Uffici provinciali di via Palermo 21/c.

Attraverso il Piano di Sviluppo Rurale PSR, si è ottenuto dalla Regione un finanziamento di 1.590.806 euro, per il progetto Isola Polvese – Ambiente – Paesaggio – Territorio. Il finanziamento riguarderà principalmente la Piscina Porcinai 220.000 euro, la sentieristica 168.000 euro , l’info point ed i servizi igenici 149.000,00 euro, l’ex seccatoio 117.631,00 €, la fagianaia 192.616 euro, il Roccolo della caccia 92.083 euro, l’ex chiesa di Santa Maria della Cerqua 70.678 euro, l’acquisto di una barca elettrica ibrida 359.396 euro, l’acquisto di veicoli elettrici 129.811 euro oltre ad arredi ed attrezzature oltre ad una attività di promozione e sensibilizzazione. Con fondi propri, la Provincia ha sostituito la cabina elettrica di media tensione, 80.000 euro a San Feliciano al servizio di Isola Polvese.

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO

Nel 2019 si è continuato a garantire una buona fruibilità e una adeguata valorizzazione dei beni culturali dell’Ente, rispondendo alle esigenze e alle richieste provenienti dal territorio nella consapevolezza che la valorizzazione del patrimonio è da sempre una leva strategica per l’Ente, frutto di un percorso condiviso con le istituzioni, nonché un efficace strumento per dare maggiore visibilità alle eccellenze artistico-culturali e storiche dei luoghi.

Villa Fidelia Il prestigioso complesso monumentale di proprietà della Provincia di Perugia ubicato nel Comune di Spello si conferma di rilevante interesse per la realizzazione di manifestazioni in collaborazione con Associazioni ed enti del territorio. Nel 2019 ha fatto registrare la presenza di oltre 35mila visitatori. La parte del leone l’ha fatta la fortunata manifestazione annuale, già consolidata, “I Giorni delle Rose”, promossa dal Garden Club di Perugia, che nell’edizione 2019 ha registrato la presenza di n. 140 espositori e n. 30.000 visitatori. Significativa è stata anche la partecipazione con 3.500 visitatori promossa in collaborazione con l’associazione culturale “La Casa degli Artisti di Perugia”.

Cerp Gli spazi espositivi della Rocca Paolina si confermano per la loro collocazione nel capoluogo di regione, un’efficace vetrina per la valorizzazione del territorio. In tale contesto si inseriscono l’attività di promozione delle eccellenze monumentali, artistiche, dello spettacolo e dei prodotti tipici mediante riproduzioni permanenti di immagini e di video all’ingresso degli spazi, di cui i numerosi turisti e cittadini che transitano nella Rocca Paolina possono fruire; in particolare promozione del Festival Umbria Jazz tramite proiezione temporanea di filmato lo svolgimento di iniziative ed eventi turistico-culturali organizzati da soggetti pubblici e privati del territorio regionale e nazionale, che hanno coinvolto un pubblico vario e dinamico, generato un proficuo confronto tra insegnanti, studenti, amministratori, operatori, giornalisti, dato la possibilità ai fruitori di condividere idee ed esperienze, di stimolare il dialogo ed elaborare nuovi progetti su importanti temi (educazione al recupero della storia, alle attività artistiche, sportive, legalità, diritti umani, turismo cooperativo e associativo, sviluppo sostenibile, artigianato). Complessivamente nel 2019 si contano 20.000 visitatori.

Beni mobili Iniziato nel 2018 è proseguito l’inventario sistematico dei beni mobili artistici la cui consistenza, tra opere d’arte, volumi antichi, storici e moderni è di 4386 beni.

STAZIONE UNICA APPALTANTE

Il Servizi Stazione unica appaltante ha operato, come da proprie mansioni, in tre principali direttrici:

– quale stazione appaltante della Provincia con competenza sulle gare aperte e negoziate di lavori e servizi o forniture gestite tramite piattaforma telematica “Portale acquisti umbria”.

In questa veste nel corso del corrente anno ha gestito 40 procedure per un importo di circa 19 milioni di euro.

– quale Stazione unica appaltante per conto dei Comuni o altri Enti convenzionati per tale funzione con la Provincia: in tale veste ha gestito 58 procedure per un importo di 34,6 milioni di euro.

– quale ufficio di supporto alla segreteria generale in qualità di ufficiale rogante ed in generale ufficio contratti dell’Ente: ha stipulato 79 contratti di appalto,

compravendita ecc. provvedendo anche alle relative incombenze di registrazione, trascrizione ecc.

Particolare impegno ha richiesto l’attività di SUA per conto dei Comuni o altri Enti convenzionati, in particolare sono state prorogate nel corso dell’anno n.10 convenzioni con altrettanti Comuni del territorio provinciale è stato inoltre approvato dal Consiglio Provinciale in data 12.11.2019 il nuovo schema di convenzione aggiornato alle modifiche normative nonché approvati i criteri di priorità per i nuovi convenzionamenti.

Attualmente risultano convenzionati 30 Enti ed andranno esaminate ulteriori richieste per nuove affiliazioni.

Nel corso del 2019 è stata definitivamente implementata la piattaforma per la gestione delle gare telematiche tramite il portale “acquisti Umbria” fornito da Umbriadigitale e gestito dalla Soc. Net4market che ha consentito alla Provincia di rispondere tempestivamente agli obblighi di digi

POLIZIA PROVINCIALE E AMBIENTE

 Sono state affrontate una serie di gravi criticità ancora irrisolte riguardanti la situazione dei verbali degli anni 2011,12,13, ormai da tempo prescritti e ancora giacenti presso il servizio; a tal fine è stato istituito un gruppo di lavoro interdisciplinare interno all’Ente che ha prodotto degli approfondimenti tecnici e delle relazioni, effettuando anche un’analisi dei costi e dei benefici, che hanno portato alla conclusione di non invio ai ruoli, decisione supportata dalla delibera di indirizzo n. 209 del 18/10/2019 “Stato dei Verbali elevati per violazioni al Codice della Strada nel periodo 2011 – 2013”;

Sono stati effettuati dei miglioramenti interni al Corpo di Polizia Provinciale,sia riferiti all’attività dei nuclei esterni, sia ottimizzando il ruolo del personale presso il Comando e gli spazi a disposizione. In particolare per quest’ultimo è stata svolta attività di formazione per l’utilizzo del programma INFOR, sia attraverso personale interno del Sistema Informativo sia attraverso personale della Ditta fornitrice, che ha portato ad un pareggio del lavoro di notifica dei verbali dal 2018 ad oggi.

E’ stato utilizzato in maniera massiccia il targa system, che rappresenta un sistema di rilevazione automatica dello stato della revisione e assicurativo dei veicoli circolanti sulle strade di competenza della Provincia di Perugia, e che ha permesso di effettuare controlli a tappeto che hanno superato i 50.000 in 7 mesi;

E’ stato completamente rivisto e aggiornato l’opuscolo prodotto nel 2014 dalla Provincia di Perugia sui bocconi avvelenati. Attraverso la revisione e riedizione di questo opuscolo si intende informare la collettività e sensibilizzare le coscienze su un fenomeno aberrante e ancora molto diffuso: le esche e i bocconi avvelenati. Il ruolo della Provincia stabilito dalla normativa è oggi meno incisivo rispetto al passato tuttavia la lunga esperienza maturata dalla Polizia Provinciale e l’azione di sostegno, coordinamento e indirizzo prevista dalla normativa vigente, in diversificati campi di competenza dei piccoli Comuni, consentono di attivare un ruolo importante dell’Ente per le complesse attività di prevenzione e lotta contro gli avvelenamenti di fauna domestica e selvatica.

E’ stato garantito il Servizio di Ordine Pubblico ogni qual volta richiesto dalla Prefettura e si è consolidato il rapporto con i Comuni (in particolare quelli piccoli) assicurando la collaborazione qualora richiesta, anche per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di criminalità Ufficio Ambiente e Contenzioso

E’ stata redatto un approfondito resoconto per la Corte dei Conti in relazione ad un presunto danno ambientale a seguito dell’interramento delle ceneri della Centrale Enel di Pietrafitta;

E’ stato elaborato dall’Ufficio e preadottato con delibera del Presidente il nuovo “Regolamento delle Guardie Giurate Ittico Venatorie Volontarie che operano nella Provincia di Perugia”. La stesura e approvazione del Regolamento ha provocato lo svilupparsi di un vivace dibattito anche in Consiglio Provinciale, che ha comportato una serie di approfondimenti giuridici e un confronto con la Regione.

Successivamente con Delibera di Consiglio n° 38 della 30/09/2019 veniva abrogato il vecchio Regolamento Provinciale e approvato il nuovo, conforme alle profonde modifiche istituzionali conseguenti alla riforma Del Rio.

Il Regolamento è stato presentato e discusso con le principali Associazioni Venatorie ed Ambientaliste di cui fanno parte le Guardie Giurate Ittico Venatorie Volontarie, accogliendone le richieste di chiarimento e precisazione.

Si sta proseguendo pertanto l’attività di rilascio dei decreti di GGV applicando il nuovo Regolamento.

Essendosi riscontrate forti difficoltà in relazione alla carenza di personale preposto alle funzioni di cui al Capo V del Decreto Legislativo 152/2006 “Procedure semplificate”, in particolare l’art. 214 (determinazione delle attività e delle caratteristiche dei rifiuti per l’ammissione alle procedure semplificate) e art. 216 (Operazioni di Recupero), si è effettuata richiesta di avvalimento di personale della Regione Umbria (Servizio Rifiuti), nei riguardi dell’esercizio delle funzioni di cui sopra.

In particolare l’avvalimento è stato richiesto per la predisposizione dell’istruttoria tecnica e dell’elaborazione dell’Allegato Rifiuti, come già avvenuto in passato per analoghi avvalimenti di personale provinciale per lo svolgimento di funzioni regionali.

Successivamente è stata elaborata una convenzione tra Provincia e Regione che regola tale avvalimento, firmata recentemente.

Oltre alle ispezioni e controlli ormai rodati sugli impianti termici, si sta sviluppando un rapporto di collaborazione con Regione e UnIversità per il controllo degli attestati di prestazione energetica (APE), funzione che sarà svolta da questa Provincia tramite la sua Società in house providing AEA. Tale attività prevederà l’utilizzo di programmi informatici di nuova generazione e il confronto continuo con i Professionisti e le Associazioni di categoria, partendo da una fase di sperimentazione.

Si è proseguito nell’attività ordinaria di gestione del Contenzioso e di gestione dell’iscrizione ai ruoli dei verbali non pagati in materia di rifiuti, introitando cospicue risorse per l’Ente.

Si è proseguita, malgrado le forti carenze di personale, la gestione delle complesse attività relative alle bonifiche dei siti inquinati, in un confronto continuo con la Regione e avvalendosi del supporto tecnico di Arpa.

 

AREA VASTA

POLITICHE GIOVANILI

Riguardo alle Politiche Giovanili la Provincia di Perugia ha continuato, in veste di capofila, a monitorare e coordinare le attività dei 16 partner del Progetto “ReMix. Arte e Cultura per la rinascita della Valnerina”.

Il progetto, finanziato con 118.400 euro nell’ambito del Bando ANCI “ReStart” e avente come beneficiari 100 giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni residenti nei comuni colpiti dagli eccezionali eventi sismici e atmosferici del 2016-2017, ha consentito la realizzazione di 8 Laboratori che hanno spaziato dalla musica, al teatro, al videomaking, alla creazione di eventi di intrattenimento. Tutte unite dal filo conduttore della promozione delle risorse naturalistiche, culturali, storico-artistiche, delle produzioni tipiche, le attività finanziate hanno rafforzato sia le competenze artistiche e creative, sia le competenze trasversali, con la finalità strategica di creare nuove professionalità in campo culturale e contribuire a individuare nuovi bacini di impiego nelle aree terremotate, per rilanciarne lo sviluppo ed evitarne lo spopolamento.

Le attività laboratoriali presenti nel progetto Remix, alle quali si sono affiancate due Conferenze di progetto in materia di imprenditorialità giovanile, si sono concluse alla fine di settembre 2019. Attraverso gli eventi pubblici e il sito internet il Progetto ReMix ha coinvolto più di mille persone, creando uno spazio virtuale e reale di confronto, dialogo e apprendimento che ha messo a disposizione della comunità locale, ma anche nazionale e internazionale, le elaborazioni, i risultati, i prodotti legati ai Laboratori in quanto strumenti di promozione dell’area della Valnerina e delle sue tipicità. Nell’ambito del progetto in oggetto la Provincia di Perugia, oltre alle attività di coordinamento e di monitoraggio, ha fornito un prezioso supporto a quelle di Comunicazione e Diffusione dei risultati.

Per i nostri giovani, per la pace

Giovani e pace, diritti umani e responsabilità, scuola, alternanza-scuola-lavoro, famiglie e patto educativo, muri e comunità, San Francesco, Aldo Capitini, Marcia Perugia-Assisi. Sono queste le parole chiave che descrivono l’impegno per la pace della Provincia di Perugia nel 2019.

Un nuovo anno speso costruendo alleanze, progetti e collaborazioni a tutti i livelli, con i Comuni, le scuole e tante organizzazioni per investire sui nostri giovani, sulla loro formazione e sul loro impegno per la pace e i diritti umani, preparandoli a vivere da cittadini consapevoli e responsabili in tempo sempre più incerto.

Tra i progetti più significativi ci sono: il Programma di educazione alla cittadinanza “Costruire Comunità” a Città di Castello con il Comune e tutte le scuole del territorio; il Programma “Pace, fraternità e dialogo. Sui passi di Francesco” con il coinvolgimento dei Francescani, del Comune e di tutte le scuole del territorio di Assisi; il programma di sostegno dei Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento; la Campagna “Abbattiamo i muri. Costruiamo una fraternità universale” realizzata in occasione del 30° anniversario della caduta del muro di Berlino e, naturalmente, l’avvio dell’organizzazione della Marcia PerugiAssisi dell’11 ottobre 2020 con cui vogliamo valorizzare e sviluppare il grandioso patrimonio culturale, storico e religioso della nostra provincia rappresentato da San Francesco e da Aldo Capitini. (420)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini