1Perugia, 28 dicembre 2019 -Stanno scorrendo da oggi masse d’aria più fredde di origine balcanica. I cieli sono prevalentemente velati su tutta l’Umbria. Attese gelate tra la notte e primo mattino sulle vallate interne per le temperature diffusamente intorno allo zero. Idem tra domenica e lunedì ma anche tra lunedì e martedì, quando la ventilazione andrà attenuandosi ulteriormente. Domani, l’alta pressione guadagnerà terreno favorendo una giornata di bel tempo, in prevalenza soleggiata, salvo addensamenti sulle aree appenniniche al confine con Marche e Abruzzo. Il clima sarà piuttosto freddo anche nelle ore centrali della giornata con massime tra i 6/8°C delle aree interne. Molto freddo in montagna con temperature inferiori allo zero, anche in pieno giorno, oltre i 1200 metri. Ventilazione moderata, a tratti forte da Nordest, in graduale attenuazione.

Lunedì, afflusso di aria fredda in attenuazione, a partire dall’Umbria settentrionale. La giornata si presenterà soleggiata al più offuscata dal passaggio di qualche velatura. Limitatamente alle aree di fondovalle potranno formarsi, per alcune ore, nebbie da irraggiamento, in dissolvimento durante il mattino. Temperature in ulteriore calo nei valori minimi, massime in rialzo di 1/2°C. Valori termici in generale aumento in montagna nella seconda parte della giornata. Venti moderati dai quadranti nordorientali, in graduale attenuazione.

Martedì, ultimo giorno dell’anno, avremo condizioni di stabilità atmosferica. Il sole sarà offuscato solo dal passaggio di qualche velatura sulle regioni tirreniche. Freddo al primo mattino con gelate diffuse nelle vallate interne, massime in rialzo con valori prossimi ai 10-12°C in pianura. Deciso rialzo termico in montagna e alta collina. Venti deboli dai quadranti nordorientali, in rotazione ai quadranti occidentali.

Mercoledì, primo giorno del 2020 il cielo sarà nuovamente soleggiato per tutta la giornata a causa del perdurare di condizioni anticicloniche. Possibile qualche banco di nebbia al primo mattino specie nei fondovalle. Temperature in ulteriore ripresa. (Foto ANTONIO VENTURA) (162)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini