1FOLIGNO. 30 dicembre 2019  – Nicola Pesaresi, Andrea Paris, Lucchettino, Christian Cappellone, Davide Allena, Alessio Burini, La valigia dell’artista: Danza e Ginnastica. Ed ancora. Raoul Maiuli, Luca Notari e Cristiano Pierangeli: “L’allegra Combriccola” unita per Deborah Bonucci, per raccogliere fondi da destinare alla giovane mamma malata di tumore. A organizzare lo spettacolo, che mette insieme così tanti artisti, è l’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana sezione di Foligno/Valle Umbra con il patrocinio del Comune di Foligno, dell’associazione Amici di Spello e della Confcommercio di Foligno e con l’aiuto di Nicola Pesaresi e Andrea Paris.

Artisti di levatura nazionale sono pronti ad esibirsi all’Auditorium San Domenico il 10 gennaio in ben due spettacoli previsti alle 17.30 e alle 21.30. Ingresso unico 15 euro. Prevendite: Bar San Magno e Bar Crema Foligno. “La nostra associazione – spiega il presidente dell’ANCRI, Gianluca Insinga – coglie tutti i valori simbolo della società, e la beneficenza è uno dei più importanti. Così come per l’altra mamma, Pamela, quando ci hanno contattato non abbiamo esitato a organizzare un altro evento per aiutare Deborah nella sua lotta”.

“Se chi ha bisogno chiama – dice Nicola Pesaresi – è giusto che chi può risponda. Noi abbiamo il nostro talento che mettiamo in gioco per questa causa, con la speranza che ognuno, nel suo piccolo, possa fare qualcosa per queste situazioni di emergenza. Senza condivisione siamo niente”. “Che cosa dichiaro? Mi dichiaro Innocente”, dice scherzosamente Andrea Paris, per poi diventare serio e aggiungere: “Mi raccomando venite numerosi. Non c’è niente di più bello che aiutare qualcuno in difficoltà”.

L’incasso sarà devoluto a Deborah Bonucci, la mamma folignate che sta combattendo già da un anno la sua battaglia contro il tumore al seno che l’ha colpita appena dopo la nascita della seconda figlia. Vittoria, infatti, aveva solo 5 mesi quando a Deborah le è stato diagnostico un cancro al seno con metastasi ai polmoni. Dopo vari interventi e terapie, la malattia ha continuato e continua ad avanzare. A questo punto solo il centro ad Israele può offrirle delle cure innovative attualmente non disponibili in Italia, ma con costi esorbitanti. (130)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini