FOTO LUCIANO LOSCHIFoligno, 18 gennaio 2020 – Il grande esperto di funghi e erbe campagnole, Luciano Loschi, terrà un corso sulle le erbe selvatiche commestibili  il prossimo 2 febbraio. Accetta iscrizioni fino a 25 persone, telefonando al numero 3936622189 , oppiure scrivendo alla sua e-mail luciano.loschi@gmail.com. Si parletà anche dell”INULINA è un oligosaccaride dalle caratteristiche uniche che permette di risolvere tantissimi problemi di salute dato che agisce sul secondo cervello, ovvero l’intestino, apportando dei profondi cambiamenti in breve tempo potenziando moltissimo la nostra capacità digestiva, di assimilazione e di difesa dai virus, batteri e funghi. E spèiega che anche  il Topinanbur, il Raperonzolo e la Bardana nelle loro radici contengono una altissima concentrazione di INULINA. La struttura chimica dell’ Inulina, la rende praticamente inattaccabile dagli enzimi umani tanto da essere escreta quasi immodificata con le urine.

Solo la microflora intestinale è in grado di metabolizzarla per questo è considerata un Prebiotico.
Evidenze scientifiche hanno confermato che l’inulina è una delle poche fibre alimentari che riesce a ripristinare la normale flora batterica intestinale, danneggiata da antibiotici, farmaci, vaccini, stress, traumi, zucchero, cibi industriali, combinazioni alimentari errate, infezioni, chemitorapia ecc.
Possiamo dire che l’Inulina pulisce come uno spazzino il nostro intestino rimuovendo scorie e incrostazioni.

Lenisce le infiammazioni intestinali conseguenza di cibi spazzatura, errate combinazioni alimentari e stress emotivi.  L’uso di inulina contribuisce ad un aumento significativo di Bifidobatteri e Lattobacilli. Essi sono i batteri fondamentali del corpo umano! Tutte le malattie possono prendere piede quando questi due ceppi di batteri sono inferiori rispetto ai batteri negativi: allora il sistema immunitario si indebolisce, il nostro umore cala ed è facile cedere alla tristezza, depressione e insicurezza, si digerisce male, si ha gonfiore, stitichezza, insonnia e soprattutto c’è la tendenza ad ammalarsi molto facilmente. Inoltre i bifidobatteri potenziano la biodisponibilità e quindi l’assorbimento di minerali come calcio e magnesio. Il magnesio è fondamentale per 300 funzioni nell’organismo e si stima una carenza in circa l’80% della popolazione. Quindi l’inulina agisce positivamente anche nell’eliminare tutte le malattie da carenza di magnesio.

L’inulina aumenta il numero dei bifidobatteri, che sono rari e quasi assenti in tutti i probiotici in commercio perché non è facile mantenerli vivi e metterli negli integratori.
I lattobacilli sono i fermenti contenuti nello yogurt e proprio per questo si dice che lo yogurt fa bene. L’unico problema è che i lattobacilli dello yogurt non arrivano nell’intestino ma vengono uccisi dai succhi gastrici. Proprio per questo l’inulina è fondamentale: nutre i lattobacilli che abbiamo nel nostro intestino.

In generale c’è un netto miglioramento della salute del tratto gastro-intestinale, un rafforzamento delle difese del corpo. E’ stato rilevato anche un incremento dei livelli di acido butirrico nel grosso intestino, ed è noto che questa sostanza ha un’azione protettiva contro le malattie infiammatorie e neoplastiche del colon. E’ stato dimostrano inoltre che l’inulina incrementa anche l’assorbimento di calcio e di magnesio, influenza i livelli di glucosio nel sangue e riduce la concentrazione di colesterolo e di lipidi nel siero. Ha un effetto ipoglicemizzante o insulino-stimolante.
Riassumendo le proprietà dell’inulina basandosi su tre studi scientifici, uno pubblicato sull’Annuals of Nutrition and Metabolism, un altro su Nutrition Research e infine su The Journal of Nutritional Biochemistry si può dire che l’inulina:
1) Favorisce la digestione
2) Riduce i gas intestinali
3) Migliora la qualità del microbiota (batteri intestinali) aumentando la percentuale dei batteri buoni (eubiotici) e diminuendo la popolazione dei batteri nocivi che producono il cancro del colon, intolleranze, infezioni, ecc
4) Aumenta la massa fecale e il numero di evacuazioni
5) Aumenta l’assorbimento di calcio, ferro e magnesio
6) E’ ben tollerato dai diabetici
7) Riduce il colesterolo e i trigliceridi
8) Controlla la fame
9) Incrementa l’energia
10) Riduce il peso in eccesso modulando il glucagon-like peptide (GLP).

Uno studio recente pubblicato sulla rivista European Journal of Nutrition ha analizzato l’effetto dell’inulina come sostituto dei normali dolcificanti nei cibi ed il risultato è stato eccezionale perché l’inulina ha ottime proprietà dolcificanti con il vantaggio che non alza la glicemia e non produce picchi insulinici. Questo ha un effetto molto profondo sulla salute perché l’alterazione improvvisa della glicemia prodotta dai dolcificanti causa: disturbi ormonali, obesità, sovrappeso, infiammazione, malattie cardiovascolari, crisi di fame e cali di zuccheri. Per questi motivi un’ottima idea è quella di inserire l’inulina nella propria dieta in sostituzione dello zucchero (sia raffinato che di canna), miele, ecc: puoi metterla nelle tisane, nelle bevande e anche nei dolci fatti in casa!
Controndicazioni

L’inulina non deve essere assunta in chi soffre di SIBO ovvero di un eccesso di flora batterica nell’intestino tenue. Per questo motivo chi assumendo inulina nelle dosi raccomandate nota dei peggioramenti che non migliorano nel tempo deve smettere l’assunzione e farsi diagnosticare la propria situazione intestinale così da poter fare un trattamento mirato. Oggi giorno i disturbi dell’intestino sono presenti in tutti a causa del cibo povero e trasformato dei supermercati, farmaci, tossine e stress. Per questo motivo esistono anche tanti diversi tipi di problemi intestinali che dovrebbero essere trattati nella loro univocità attraverso una dieta specifica, integratori e depurazione. (214)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini