"1938- Le leggi razziali fasciste" dal 3 al 5 febbraio al Centro Sociale "A. Cardinali". Fausto Bianchi (Spi-Cgil), l'indifferenza è più colpevole della violenza stessa

1Corciano, 31 gennaio 2020 – “Il valore di questo evento è la Memoria, perché è bene non dimenticare mai la sofferenza subita da esseri umani per mano di altri esseri…….disumani!!!”. A dirlo Fausto Bianchi, membro dello  Spi Cgil Lega Perugia- Corciano-Torgiano, per introdurre la mostra fotografica itinerante dal titolo “1938- Le leggi razziali fasciste” che farà tappa a Corciano, al Centro Socio Culturale “Antonio Cardinali” dal 3 al 5 febbraio. “Servirà a ripercorrere visivamente vicende che hanno coinvolto l’Italia e l’Europa – dice ancora – ed il messaggio è rivolto a tutti, perché questo orrore non possa accadere mai più.

Per dirla con le parole di Liliana Segre, prese a prestito per fare da filo conduttore all’iniziativa, ‘l’indifferenza è più colpevole della violenza stessa. E’ l’apatia morale di chi si volta dall’altra parte: succede anche oggi verso il razzismo e altri orrori nel mondo'”. All’inaugurazione della mostra – lunedì 3 febbraio alle 16:30 – già ospitata a Panicale (13 – 22 dicembre), Ponte Felcino (8 – 10 gennaio) e  Torgiano (29 – 31 gennaio), confermata la presenza del sindaco Cristian Betti, di Luciano Campani, segretario Spi Cgil Lega Perugia- Corciano-Torgiano, di Amedeo Zupi Presidente Sezione  Anpi “28 Marzo” e di Riccardo Finocchi, scrittore di Castelvieto, autore del libro “Il soldato del Monte Penna”, del quale verrà fatta la presentazione. Curata dall’ANPI Umbria e dalle Sezioni ANPI di Perugia, il progetto vuole tenere viva la memoria degli anni del nazismo e del fascismo e degli orrori della Shoah.

“L’intento che ha mosso il Sindacato dei Pensionati Lega Perugia- Corciano- Torgiano e Lega del Trasimeno – dice ancora Bianchi – ad inventarsi in sinergia con l’ANPI le iniziative portate nei territori del lago e del perugino, è la necessità di non spegnere mai la luce del ricordo, da mantenere vivo anche attraverso il viaggio a Cracovia e nei campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau dal 10 al 14 febbraio prossimo, con visita del quartiere ebraico di Kazimierz, del ghetto di Podgorze e della fabbrica di Oskar Scindler”.

Anche quelle corcianesi saranno tre giornate di grande impatto, nel quale il passato diventerà la base per costruire il futuro “un appuntamento – sottolinea il Sindaco – al quale mi auguro vorranno intervenire anche i ragazzi delle nostre scuole, ai quali spesso nel loro percorso formativo abbiamo dato l’opportunità di incontrare ed ascoltare testimoni di quel periodo storico … di conoscenza non c’è mai abbastanza!” (123)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini