La fortunata mostra fotografica corredata da versi si sposta nella città della ceramica. Sabato 8 febbraio l’inaugurazione

Piazza ConsoliDeruta, 5 febbraio 2020 – Il Comune di Deruta e la locale ProLoco, con il supporto del GAL Trasimeno-Orvietano e la collaborazione organizzativa di Trasimeno in Dialogo e ARSCultura, accoglieranno dall’8 al 23 febbraio 2020 il Progetto Donna vede Donna, composto da una mostra internazionale fotografica corredata da versi e da quattro incontri, in cui saranno dibattute tematiche al femminile che prenderanno spunto dalle presentazioni di libri riferiti all’universo delle donne. Ma andiamo per ordine.

Il Progetto Donna vede Donna sarà presentato sabato 8 febbraio alle 16,30 presso la sala Consiliare del Comune di Deruta, le cui finalità progettuali sono quelle di descrivere, con foto e versi, le varie sfaccettature femminili e di mettere in risalto la dolcezza, la bellezza e la centralità sociale delle donne, aborrendo ogni forma di violenza.

Nell’occasione sarà presentato in anteprima anche il catalogo della mostra e verranno ricordati i quattro incontri riguardanti la sfera femminile, che avranno luogo nei giorni a seguire, sempre nella Sala Consiliare Comunale, di cui, domenica 9 febbraio alle 16,30, sarà presentato il libro Non é colpa mia di Lucia Magionami e Vanna Ugolini mentre domenica 16 febbraio alle 16,30, sarà la volta della Ragazza del canneto di Marco Pareti, poi sabato 22 febbraio con inizio alle 16,30 presenteranno Laura Adriani il suo La gigante bambina e Francesca Tuscano i suoi Gli stagni di Mosca e Thalassa. Chiude il quartetto di presentazioni, domenica 23 febbraio, con inizio alle ore 16,00, un reading con gli autori della Bertoni Editore, di opere riguardanti la sfera femminile.

Durante l’inaugurazione che si terrà nella Sala Consiliare, i versi delle autrici del Progetto Donna vede Donna, saranno declamati dalla poetesse Alessandra Di Cesare, Francesca Tuscano e Laura Adriani.

Sempre l’8 febbraio, al termine della presentazione del progetto, ci si sposterà dal Palazzo Comunale nella vicina e splendida location dell’Antica Fornace Grazia, per l’inaugurazione della Mostra Donna vede Donna, dove gli elaborati fotografici e i versi, sono stati creati e assemblati per la realizzazione di una mostra itinerante al femminile rivolta a tutti, adulti e bambini, soprattutto pensata per sensibilizzare i giovani, attraverso un messaggio positivo e gioioso, sull’importanza e la rilevanza della donna nella vita quotidiana e nei suoi molteplici ruoli.

Marco Pareti è il coordinatore del progetto, coideatore insieme a Marina Sereda, mentre Stefano Fasi, é il coordinatore fotografico e direttore artistico con la collaborazione di Graziella Mallamaci. Trasimeno in Dialogo e Ars Cultura sono i progetti culturali e sociali sui quali poggia il messaggio di Donna vede Donna.

Le fotografe sono nove, amatoriali e professioniste, tra italiane, russe e albanesi: Sara Belia, Roberta Costanzi, Elena Kovtunova, Antonella Marzano, Lorena Passeri, Rita Peccia, Antonella Piselli, Anastasia Trofimova, Renilda Zajmi. Le cinque autrici sono di origine italiana, russa e giapponese: Sara Belia, Naoko Ishii, Graziella Mallamaci, Mariapia Scarpocchi e Marina Sereda.

La mostra sarà visitabile presso l’Antica Fornace Grazia nel Centro Storico, sabato 8 febbraio dalle 17,30. Inoltre sarà aperta dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30 nei giorni di sabato 15 e 22 febbraio e con gli stessi orari, domenica 9, 16 e 23 febbraio. Durante il periodo d’apertura della mostra, saranno presenti alcune protagoniste, fotografe e scrittrici, come guide d’eccezione all’esposizione collettiva.

L’evento del giorno 8 febbraio sarà seguito in diretta da MEPRadio in collaborazione con BluSky.

Interverranno Autorità Istituzionali e Associative e l’ingresso sarà aperto e libero a tutti.

  (270)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini