1Perugia, 6 febbraio 2020 – “Abbiamo avviato un percorso proficuo, in un clima di ampia collaborazione, che dà seguito, con la massima concretezza, all’impegno sottoscritto fra l’Università degli Studi di Perugia e la Regione dell’Umbria nel memorandum firmato dalla presidente Donatella Tesei e del Magnifico Rettore, Maurizio Oliviero”. Così l’assessore regionale alle infrastrutture Enrico Melasecche ha commentato il primo sopralluogo svolto a Terni, al complesso oggi dedicato al Corso di laurea in Ingegneria Industriale.

2Al sopralluogo erano presenti il delegato del Rettore, Stefano Brancorsini, l’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Enrico Melasecche, anche in rappresentanza dell’assessore regionale all’istruzione, Paola Agabiti, impegnata in una riunione con la presidente Tesei, il sindaco di Terni, Leonardo Latini, e l’assessore comunale all’Università, Cinzia Fabrizi. La visita ha riguardato, oltre alle aule ed agli uffici anche i laboratori la cui attività, all’avanguardia con numerose collaborazioni interuniversitarie nazionali ed internazionali, è stata illustrata dai vari docenti che hanno ricordato come sia altissimo il tasso di occupazione di questi laureati, richiesti da industrie e centri di ricerca.

“Nel corso dell’incontro – ha sottolineato l’assessore Melasecche – abbiamo effettuato una prima valutazione delle enormi potenzialità del patrimonio immobiliare presente sulla collina di Pentima da recuperare e valorizzare per farne una cittadella integrata della didattica e della ricerca partendo dalle varie realtà esistenti, dal Centro di Formazione Professionale con i propri laboratori alle imprese insediate come il SERMS, che già collaborano con il Polo Scientifico Didattico di Terni. Da questa prima valutazione, si ritiene necessario il recupero degli edifici presenti a Pentima per permettere una fruizione da parte degli studenti e dei docenti di spazi adeguati a svolgere attività didattica e di ricerca di alto spessore”.

“In quest’ottica – ha proseguito Melasecche -, va considerata e la ricollocazione a Pentima di servizi per gli studenti, il miglioramento dei collegamenti di trasporto, la riqualificazione di impianti sportivi esistenti ed anche alcuni locali da porre a disposizione per lo studio e la socializzazione. L’idea progettuale prevede il recupero architettonico e funzionale del complesso, in gran parte di proprietà della Regione che porti ad un progetto preliminare con stralci funzionali ed un crono programma condiviso da tutti gli Enti, a cominciare dall’ADISU, ma anche dalle imprese insediate e da insediare per rilanciare le enormi potenzialità del Polo universitario Ternano.

Abbiamo anche analizzato – ha concluso l’assessore – varie ipotesi di integrazione della presenza universitaria in centro città a cominciare dalla possibilità di insediamento nella palazzina dell’Ex Foresteria di Terni, acquistata venti anni fa dal Comune proprio con quello scopo ma mai utilizzata a tal fine. L’ipotesi prevede di razionalizzare quegli spazi e farne il luogo di una presenza universitaria stabile in centro, con uffici di rappresentanza, segreteria studenti ed uffici amministrativi, oltre ad alcuni limitati settori della didattica”. (115)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini