Con questa iniziativa l’Ateneo esce dai classici schemi di insegnamento, che a volte danno poche garanzie ai giovani, e va verso una didattica sempre più innovativa.

1Perugia, 12 febbraio 2020 – C’è una nuova e grande sinergia tra Università, impresa e territorio. Questa mattina, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria di Perugia, è stato presentato ufficialmente il “Workshop Permanente”: laboratorio di didattica 4.0 frutto del protocollo di collaborazione tra l’azienda Made in Italy Lab (T&RB Group) e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (D.I.C.A.) dell’Università di Perugia. Il Workshop Permanente avrà sede nell’area industriale di Ponte Felcino, all’interno dell’azienda Made in Italy Lab, e consentirà agli studenti del Corso di Laurea in Design di prender parte a un processo produttivo reale, sperimentando e sviluppando progetti innovativi tramite strumenti di ultima generazione nel settore del design, delle tecnologie digitali e della stampa 3D. Alla conferenza stampa, oltre a giornalisti e professionisti del mondo del lavoro, hanno preso parte le personalità accademiche e imprenditoriali che hanno contribuito alla creazione di questo innovativo interscambio di competenze tra Ateneo e Impresa. A dare il benvenuto è la Prof.ssa Carla Emiliani, Delegato del Rettore per il settore Didattica: “Con questa iniziativa l’Ateneo esce dai classici schemi di insegnamento, che a volte danno poche garanzie ai giovani, e va verso una didattica sempre più innovativa.

2Il mondo del lavoro è cambiato, pertanto il nostro obiettivo è aiutare i giovani studenti a spendere bene talenti che hanno, e vogliamo farlo proponendo loro percorsi multidisciplinari che li aiutino proprio a sviluppare il talento, a crearsi una professione”. Temi approfonditi anche dal Prof. Giovanni Gigliotti, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale: “Siamo abituati da anni a lavorare con le aziende e il territorio, a trasferire i risultati della ricerca nel mondo del lavoro. Con il Workshop Permanente, basato su un modello di didattica 4.0, facciamo un ulteriore passo avanti nel futuro. Abbiamo trovato in Made in Italy Lab un interlocutore con una mentalità imprenditoriale incredibilmente aperta, capace di grandi investimenti, consapevole del ruolo strategico delle nuove generazioni. Insieme a loro possiamo mettere in pratica una didattica fortemente ancorata all’impresa, basti pensare che il Workshop Permanente darà la possibilità a ben 80 dei nostri studenti di confrontarsi con tecnologie di ultima generazione e formulare la tesi direttamente in azienda”. Spetta invece al Prof. Paolo Belardi, Presidente del Corso di Laurea in Design, ripercorrere le tappe dell’incontro con la società del Gruppo T&RB: “Abbiamo conosciuto Made in italy Lab nel segno di Michelangelo, grazie alla loro ricostruzione in stampa 3D di una saliera disegnata dal grande artista italiano che rischiava di rimanere dimenticata, visto che ne esisteva soltanto un bozzetto su carta conservato al British Museum di Londra. Fin da subito ci siamo identificati in obiettivi e valori. Anche noi vogliamo infatti coniugare cultura, artigianalità e tecnologia, quella risorsa chiamata manualità colta da Stefano Micelli, autore del libro ‘Futuro Artigiano’ (Marsilio Edizioni, 2011)”.

4Tancredi Boco, presidente di Made in Italy Lab, illustra il viaggio che lo ha portato a realizzare questo grande progetto che sognava da moltissimo tempo: “Essere qui oggi ha richiesto un grande percorso di preparazione, studio e formazione. Ci abbiamo messo cuore, sogno e passione. Sono più che convinto che ne sia valsa la pena, perché una relazione stratta tra impresa e Università è l’unico binomio imprescindibile per andare avanti in maniera veloce e recuperare tempi e valori. Scegliamo l’Università perché abbiamo il coraggio, come impresa, di metterci in gioco per unire le competenze, le generazioni, il presente e il futuro di questo territorio. Una sinergia forte tra il mondo dell’istruzione e il mondo del lavoro è l’unica strada possibile, specialmente oggi dove è richiesta una formazione altamente specializzata. Chiude gli interventi Marco Schippa, co-fondatore di Made in Italy Lab: ”Negli ultimi 10 anni l’Umbria ha perso tanti giovani con un alto livello di istruzione che sono andati a lavorare all’estero. Né come uomini, né come imprenditori potevamo assistere inermi a questa dolorosa fuga di talenti. Made in Italy Lab nasce proprio come polo di innovazione per la manifattura, l’industria e la collettività. Per accompagnare le aziende lungo la via della trasformazione digitale. Unire tradizione e innovazione, è questa la nostra formula. Con il Workshop Permanente vogliamo dare ai nostri giovani una grande opportunità per mettersi in gioco e vivere concretamente le dinamiche del mondo del lavoro. Non è vero che per essere creativi e innovatori è obbligatorio stare a certe latitudini. È possibile farlo anche qui a Ponte Felcino, alle porte di Perugia, accorciando il gap tra aziende e i bisogni dei territori. L’importante è saper progettare il futuro, perché per vincere le sfide del futuro serve il long life learning, cioè l’apprendimento permanente per tutta la vita”. (110)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini