Anche Perugia nelle sole due date italiane del tour europeo di presentazione del nuovo disco firmato dalla coppia Alexander Hacke (membro fondatore degli storici e seminali Einstürzende Neubauten) & Danielle de Picciotto (Love Parade Berlino)

1PERUGIA, 18 febbraio 2020 – Due sole date italiane per il tour europeo del nuovo album ‘The Current’ della coppia Alexander Hacke (Einstürzende Neubauten) e Danielle de Picciotto (Love Parade Berlino). Oltre a Roma c’è anche Perugia come città che ospiterà questo live molto atteso e in programma per Sacred Noise, rassegna itinerante negli spazi del centro storico cittadino e ormai nota per la sua attenzione alle sonorità d’avanguardia e alla sperimentazione.

2Appuntamento venerdì 13 marzo (ore 22, 120 posti, ingresso 12 euro) al Cinematografo Comunale Sant’Angelo (Corso Garibaldi, traversa via Lucida) con il concerto del progetto musicale ‘Hackedepicciotto’. Alexander Hacke è lo storico chitarrista poi bassista e membro fondatore degli Einstürzende Neubauten dal 1980, formazione la cui influenza è chiara in molte tracce del nuovo album.

Danielle de Picciotto si è trasferita a Berilno nel 1987 è la fondatrice della Love Parade di Berlino, protagonista della scena berlinese e compagna di Hacke.

Arrivano a Perugia per presentare il loro quarto album ‘The Current’, il nuovo lavoro uscito il 31 gennaio scorso. Ancora una volta il rumorismo e la capacità di plasmare il suono di un pioniere dell’industrial come Hacke si contamina con gli strumenti acustici e le manipolazioni di Danielle De Picciotto, a creare sinfonie grandiose e suggestive.

Hanno deciso di registrare il nuovo album in una delle regioni più povere del Regno Unito, Blackpool: “Volevamo assorbire ciò che una società sente e pensa che sia stato lasciato indietro dal neoliberalismo. Se vivi in ​​una zona povera, il rumore del capitalismo svanisce e si rimane con la realtà della natura e semplice interazione umana”.

 

 

Contatti per info e prenotazioni

bar.chupito@gmail.com

346 8695770 (124)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini