1Cannara, 27 febbraio 2020 – Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Cannara hanno continuato ad intensificare, così come già svolto nei mesi precedenti, l’attività di controllo del territorio, predisponendo una serie di servizi mirati a prevenire e contrastare il fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti. Due giovani, un 20enne di origini bastiole ed un 22enne cannarese, sono stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti e segnalati alla Prefettura di Perugia quali assuntori. Il primo ragazzo è stato notato nei giardini pubblici, seduto su una panchina intento a parlare con alcuni coetanei. L’atteggiamento nervoso ha insospettito i carabinieri, che hanno così proceduto ad un controllo più approfondito. Il risultato è stato il ritrovamento di una piccola dose di hashish.

Durante un controllo alla circolazione stradale, invece, i militari hanno proceduto a fermare un’auto in Via Intornofosso. All’interno dell’autovettura un giovane di Cannara è apparso subito in difficoltà all’atto del controllo. Nonostante cercasse di sviare i Carabinieri con scuse, dopo una perquisizione i militari hanno trovato una dose di marijuana all’interno dell’abitacolo. In questo caso non solo è stato segnalato alla Prefettura di Perugia, ma per lui è scattato anche il ritiro della patente.

I militari cannaresi hanno inoltre denunciato un marocchino di 26 anni, per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. L’atteggiamento sospetto del guidatore aveva indotto i Carabinieri ad accompagnarlo presso il nosocomio per farlo sottoporre agli accertamenti sanitari; l’esito di questi infatti ha evidenziato come il giovane fosse sotto effetto di stupefacenti del tipo cocaina. Per lui è quindi scattata la denuncia a piede libero ai sensi dell’art. 187 del Codice della Strada, con conseguente ritiro della patente di guida e sequestro, ai fini della confisca, della propria autovettura.

Nel corso dei serratissimi controlli alla circolazione stradale, i Carabinieri hanno inoltre visto una Fiat Bravo viaggiare a zig zag. Un’andatura irregolare e pericolosa. Immediatamente fermata l’auto e sottoposto al controllo dell’etilometro il guidatore, i carabinieri hanno accertato che il giovane 36enne del posto, si trovava in stato di ebbrezza, con un tasso di alcool nel sangue di 1,95 g/l, circa 4 volte superiore al limite massimo consentito pari a 0,5 g/l. Per lui oltre al deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Perugia è scattato anche il ritiro della patente e la procedura di confisca del veicolo.

  (153)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini