Cardinali (Cgil Umbria): “Attivati strumenti straordinari per quasi 50mila lavoratrici e lavoratori nella nostra regione”

1Perugia, 5 marzo 2020 – È stato sottoscritto in data 26 febbraio 2020 un accordo che introduce uno specifico intervento a favore delle attività economiche delle imprese e conseguentemente dell’occupazione dei lavoratori artigiani, per i danni che indirettamente sta causando la diffusione nel territorio italiano del Covid 19, meglio conosciuto come “Coronavirus”. L’accordo quadro sottoscritto a livello nazionale tra le parti sociali dell’artigianato rende immediatamente disponibile l’accesso allo strumento di sostegno al reddito (FSBA) per tutti i lavoratori e le lavoratrici del comparto che, per qualsiasi motivo, si possano trovare nella impossibilità di effettuare la propria prestazione lavorativa a causa del Coronavirus
L’attivazione del sostegno per eventuale sospensione lavorativa è subordinato alla sottoscrizione di un accordo sindacale, necessario per l’avvio della pratica, con un’apposita causale di intervento che permetterà a tutti i lavoratori che ne avranno la necessità di avere un sostegno al reddito per un periodo temporale di un mese di calendario che in questo primo periodo andrà dal 26 febbraio al 31 marzo 2020.

Per rendere fruibile l’accordo, vista la straordinarietà della situazione, si è sospeso anche il requisito necessario dei 90 giorni di anzianità lavorativa presso l’azienda, purché si risulti assunti in data precedente il 26 febbraio 2020.
In Umbria le imprese artigiane, circa 20500 quelle registrate, rappresentano il 22% del totale delle imprese operanti e hanno una media di 2.3 addetti. “Parliamo quindi di quasi 50mila lavoratrici e lavoratori umbri – spiega Stefania Cardinali, della Cgil Umbria – in settori che spaziano dal manifatturiero al commercio, dal trasporto al magazzinaggio, passando per parrucchieri, estetisti, produttori di ceramiche artistiche e aziende del tessile. Tutte realtà – continua la sindacalista – che in situazioni straordinarie come quella che stiamo vivendo troveranno, tramite questo accordo, una immediata risposta alle problematiche che si dovessero presentare”. (177)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini