Tutto il paese dice "no" a infrastruttura di telefonia mobile alta 30 metri di una importante compagnia che vuole installare, in un terreno di proprietà privata, i ripetitori

1Monte Santa Maria Tiberina, 5 marzo 2020 – Paese in rivolta, con l’amministrazione al lavoro per trovare una soluzione alternativa all’infrastruttura di telefonia mobile di oltre 30 metri che una importante compagnia vuole installare in un terreno di proprietà privata. Da paese considerato “a fallimento di mercato”, quando nessun operatore di telefonia era interessato ad investire sul territorio, ad oggi, quando il piccolo comune del Monte Santa Maria Tiberina a sorpresa si è ritrovata al centro dell’attenzione del colosso della telefonia mobile, sono passati pochi anni. Nel frattempo è cresciuta anche l’attenzione dei residenti: proprio alcuni di loro hanno lanciato una petizione e una raccolta firme.

L’amministrazione sin da subito al lavoro per cercare di sciogliere il nodo, che contempla non solo interessi privati, ma soprattutto gli interessi generali tra cui la difesa della salute e della bellezza del paesaggio.

“Nessuna strada rimarrà intentata – dichiara il sindaco, Letizia Michelini – per scongiurare questa ipotesi che avrebbe un impatto assolutamente negativo per la nostra realtà”. “ E’ sempre più difficile – prosegue il primo cittadino – considerata in ogni caso la richiesta di residenti e turisti di sviluppare infrastrutture per avere una buona connessione internet e copertura di rete mobile, contemperare e gestire i diversi interessi in gioco, tra cui e soprattutto quello dell’impatto ambientale”. (139)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini