Sandro Vitali, amministratore unico di Umbrafloor

Sandro Vitali, amministratore unico di Umbraflor

Perugia, 6 marzo 2020 – Le O.O.S.S. Flai, Fai e Uila, dell’Umbria continuano il lavoro di sostegno ai dipendenti dell’umbraflor, il vivaio regionale con sede a Spello, Gubbio e Spoleto, impegnati insieme all’amministrazione nella ristrutturazione di questa importante realtà per i nostri territori. Il vivaio regionale è una realtà di eccellenza per l’Umbria, soprattutto per il livello di qualità dei dipendenti e per la qualità che il materiale vegetale ha raggiunto grazie alla professionalità ed esperienza del personale, che, lo ricordiamo, è per la maggior parte con contratto stagionale agricolo. L’attuale amministrazione, sta affrontando oramai da tempo, problemi economici legati a debiti e crediti pregressi; problemi che impediscono di gestire le difficoltà quotidiane come il rinnovamento delle attrezzature cosi come delle infrastrutture.

É evidente che un sostegno forte a questa realtà potrebbe venire dalla regione, sia in termini amministrativi che finanziari; in particolare ci riferiamo al sostegno al progetto di rilancio definito e presentato oramai da tempo. Il progetto prevede tra le altre cose, la definizione, con la regione, di alcune questioni legate al bilancio, un controllo ancora più rigoroso delle spese e più importante, una serie di investimenti che permetterebbero di aumentare la competitività e la produttività dell’azienda e potrebbero essere legati all’utilizzo delle risorse che deriveranno dal progetto di messa in sicurezza del fiume Topino;

intervento che interesserà proprio i terreni di proprietà regionale a gestione Umbraflor, e che potrebbero far confluire nell’ente risorse nuove non gravanti sulle casse pubbliche. Riteniamo importante questo passaggio, perché la sistemazione e lo sviluppo di una realtà come quella di Umbraflor, senza particolari oneri aggiuntivi per la collettività, sarebbe un segnale importante di corretta amministrazione; è interesse di tutti, che Umbraflor funzioni e funzioni bene, della regione, dei cittadini Umbri, dei lavoratori e di quei territori che ospitano l’attività, visto che devono affrontare ogni giorno problemi legati alla crisi e alla conseguente mancanza di lavoro

(95)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini