Assessore Agabiti: “sosteniamo cittadini, famiglie e imprese"

 Perugia, 18 marzo 2020 – “Con questo Bilancio la Regione Umbria mette in sicurezza i propri conti, adempie agli impegni di finanza pubblica e sostiene cittadini, famiglie e imprese, rendendo disponibili 11 milioni di euro per l’anno in corso e, complessivamente, 26 milioni di euro nel triennio. A queste risorse si aggiungono circa 20 milioni di euro per fronteggiare gli effetti diretti e indiretti dell’emergenza Coronavirus che, con l’adozione di questo Bilancio, la Giunta regionale potrà mettere subito a disposizione”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale al Bilancio, Paola Agabiti,in merito all’approvazione da parte dell’Assemblea legislativa dell’Umbria del Bilancio di previsione 2020-2022.

  

“Si tratta quindi di un provvedimento utile, importante e lungimirante – ha proseguito Agabiti -, che ci consente di recuperare spazi di disponibilità finanziaria senza i quali non avremmo avuto la possibilità di fronteggiare le ricadute economiche, produttive, occupazionali e sociali della crisi in atto”.
“Nonostante alcune forti ed evidenti criticità strutturali,siamo riusciti a liberare risorse per i servizi fondamentali,senza aumentare le imposte regionali. Abbiamo infatti realizzato una seria ed importante spending review, tagliando i costi della politica e le spese di funzionamento, anche delle società regionali, lasciando invariati i costi per il personale”.

“Ci saranno quindi più finanziamenti per il Trasporto Pubblico Locale, per il comparto produttivo turistico, per la cultura, per le famiglie numerose, per il sociale, per la sicurezza urbana, per la Protezione civile, per le strade regionali e per altri strategici settori. Interventi ai quali si aggiungeranno le risorse derivanti dalla riprogrammazione dei Fondi europei”.
“È stato molto importante – ha concluso – approvare questo Bilancio anticipando i tempi previsti grazie alla disponibilità e al senso di responsabilità dimostrate da tutte le forze politiche”.

(140)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini