InfermieraCittà di Castello, 27 Marzo 2020. Dichiarazione del sindaco Luciano Bacchetta: “Ci sono tre nuovi casi positivi, inferiori a quelli del giorno precedente. Non ci sono state nuove positività tra personale e pazienti dell’ospedale. Le nuove quarantene precauzionali sono 69: si tratta di persone che hanno avuto contatti con positivi e che in via precauzionale sono in isolamento volontario nel proprio domicilio. Città di Castello è la città in cui si sono fatti più tamponi in assoluto: circa 300 di cui 150 tra chi ha avuto contatti con l’ospedale, dove il pericolo del contagio è superiore. La nostra sanità sta facendo un lavoro egregio, l’area dedicata al COVID sta lavorando molto bene, ospitando pazienti dell’Alta Umbria ed anche un caso di Bergamo.

Voglio ringraziare le forze dell’ordine che costantemente pattugliano le nostre strade per garantire la massima sicurezza e il loro è il compito improbo, in questo momento di quarantena generale. Lo stanno svolgendo con tanta abnegazione, sensibilità e cortesia. Stiamo lavorando al reperimento di mascherine, grazie anche alla generosità dei privati che ringrazio. C’è una grande mobilitazione della società civile. Va estesa la massimo la distribuzione di questi dispositivi. E’ in vigore un’ordinanza che prescrive l’accesso ai supermercati ed ai servizi essenziali solo con naso e bocca coperti. Vuol dire che oltre alle mascherine, si rispetta l’ordinanza anche attraverso soluzioni alternative come fazzoletti, sciarpe o foulard ma bisogna coprirsi per ridurre la possibilità di contagio.

Sarà necessario porre una grande attenzione sulla nostra residenza sanitaria protetta: la Muzi Betti ospita 90 anziani, categoria particolarmente fragile davanti al Coronavirus, dovrà essere monitorata in modo particolare e garantire più sicurezza possibile.
Siamo ancora in una fase molto mobile, in cui è difficile individuare una tendenza. Dobbiamo impegnarci per vincere la battaglia contro il Coronavirus”. (172)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini