Il sindaco Sperandio: “L’amministrazione a fianco di famiglie e imprese”. Moccoli: “Coinvolgiamo opposizione e parti sociali”
Il sindaco Bernardino Sperandio

Il sindaco Bernardino Sperandio

Trevi, 30 marzo 2020 – Nel corso della discussione sulle linee di indirizzo del bilancio di previsione, la  giunta comunale ha approvato, su proposta dell’assessora Stefania Moccoli l’istituzione di un tavolo di crisi che comprenda i gruppi consiliari di maggioranza e di opposizione, le parti sociali e le principali organizzazioni di categoria allo scopo di varare un pacchetto di misure di sostegno volte a fronteggiare la difficile situazione economica derivante dall’emergenza sanitaria in corso da portare all’approvazione del Consiglio comunale.
“L’emergenza causata dalla pandemia di coronavirus e le conseguenti misure di contenimento del contagio adottate dal Governo stanno mettendo a dura prova attività produttive, commercianti e famiglie – spiega il sindaco Bernardino Sperandio – accanto all’ emergenza sanitaria, cui si sta facendo fronte con servizi di supporto alla popolazione è fondamentale poter far fronte anche a quella economica: siamo consapevoli delle preoccupazioni e delle difficoltà,  l’Amministrazione comunale è al fianco dei cittadini e farà tutto il possibile per individuare misure finalizzate a limitare il più possibile gli effetti drammatici che questa crisi sta avendo e avrà sul nostro tessuto socioeconomico”.

La giunta ha quindi deliberato anche l’impegno ad apportare emendamenti allo schema di bilancio di previsione approvato, ovvero variazioni urgenti, sulla base di quanto stabilito dal suddetto tavolo di crisi e dai provvedimenti governativi e regionali medio tempore adottati.
“Questa grave contingenza – commenta l’assessora Moccoli – richiede da parte di tutti un grande senso di responsabilità e unità d’intenti. Crediamo quindi che sia necessaria la partecipazione e il coinvolgimento dell’intera l’amministrazione comunale e delle parti sociali che convocheremmo quanto prima per iniziare a lavorare insieme, a partire dai criteri di assegnazione dei buoni alimentari di recente istituzione da parte del Governo”. (92)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini