1Terni, 2 aprile 2020 – Una corretta alimentazione e uno stato nutrizionale ottimale rappresentano elementi che permettono a tutte le persone una migliore resilienza in presenza di situazioni patologiche anche collegate ad agenti infettivi. Ciò è valido anche per i malati di SARS-CoV-2 che, a causa della gravità dei sintomi, necessitano di terapie invasive e degenze lunghe e ai quali si prospettano successivamente periodi di riabilitazione impegnativi. “I pazienti SARS-CoV-2 positivi – spiega il dr. Marco Tonelli (nella foto), presidente ANDID – Associazione Nazionale Dietisti e Dietista presso il Servizio di Diabetologia Aziendale dell’Azienda Usl Umbria 2 (direttore dott. Massimo Bracaccia) – ricoverati e sintomatici risultano esposti ad una aumentata probabilità di danni ed eventi avversi correlati alla malnutrizione e sono da considerare tutti ad alto rischio nutrizionale: richiedono cioè una precoce valutazione per l’avvio di un adeguato supporto nutrizionale”.

ANDID, Associazione Nazionale Dietisti, ha elaborato un documento che intende offrire indicazioni pratiche per l’assistenza nutrizionale a persone con infezione in atto e ricoverate in area di alta complessità assistenziale, nel rispetto delle evidenze scientifiche e delle competenze di medici e dietisti che si occupano di nutrizione nell’ambito del percorso assistenziale dei malati di SARS-CoV-2.

“L’auspicio – conclude il dr. Tonelli – è che possa essere uno strumento utile in tutti i setting ospedalieri coinvolti nell’assistenza di questi pazienti.

 

 

  (175)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini