1TERNI, 6 aprile 2020 – Il sindaco di Avigliano Umbro, Luciano Conti, ha lanciato un appello a tutti i cittadini affinché indossino le mascherine quando escono di casa per fare spesa o per le occasioni consentite dai Dpcm governativi. “Invito anche le persone non residenti nel nostro comune – ha poi aggiunto – che, per motivi validi, hanno tutto il diritto di recarsi ad Avigliano e sono sicuramente ben accette”. Il sindaco ha anche reso noto che tutti gli abitanti di Avigliano Umbro sono stati equipaggiati con mascherine protettive, sottolineando che a contribuire al loro acquisto è stato anche Mogol, proprietario, come noto, del Cet di Toscolano. “Lo ringrazio – dice il sindaco – perché si è volontariamente reso disponibile a finanziarie l’approvvigionamento di dispositivi di protezione.

Allo stesso modo tengo a sottolineare il profondo apprezzamento verso il nostro concittadino Rodolfo Tolomei, medico di famiglia in pensione, che come Mogol ha voluto contribuire all’acquisto”. Sul versante sanitario, Conti sottolinea che la situazione è per il momento sotto controllo. “Questo però – sottolinea – non ci autorizza ad abbassare la guardia, anzi adesso più che mai dobbiamo continuare a fare sacrifici e continuare a restare in casa e ad uscire solo per esigenze importanti. Non facciamoci tentare dalle belle giornate di primavera”.

Ad Avigliano intanto si sono messe in piedi due suggestive iniziative: La prima è stata l’illuminazione con il tricolore della torre civica, la seconda un video che inneggia alla speranza e alla fiducia verso il futuro e che è visionabile al link https://www.aviglianonews.it/lamministrazione-comunale-lancia-un-video-di-speranza/

Anche ad Otricoli è iniziata la consegna delle mascherine ai cittadini, mentre da ieri Comune e protezione civile stanno provvedendo anche alla consegna degli aiuti alimentari alle famiglie bisognose. Le attività coordinate dal Coc comunale sono svolte dalle associazioni di protezione civile “La Rocca di Poggio” e Anc “Fulvio Sbarretti”.. (123)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini