“Il conforto” sarà il tema della XXII edizione. Pubblicato il bando del concorso riservato a componimenti in forma di lettera e a pubblicazioni di carteggi e corrispondenze

1Magione, 8 aprile 2020 – Pubblicato il bando della XXII edizione del Premio nazionale Vittoria Aganoor Pompilj riservato a pubblicazioni di carteggi e corrispondenze e a componimenti in forma di lettera organizzato dal Comune di Magione. La cerimonia di premiazione si terrà a Monte del lago, Magione, domenica 6 settembre nell’ambito del Festival delle corrispondenze.
La prima sezione del premio è riservata alle case editrici che possono partecipare con pubblicazioni di carteggi e/o corrispondenze epistolari di figure rappresentative, in ambito culturale, della società italiana. I carteggi e/o gli epistolari devono essere trascritti e curati seguendo rigorosi criteri filologici dichiarati dal curatore. Le opere devono essere state stampate nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del bando (2018-2020).

La seconda sezione, la cui partecipazione è libera e gratuita, è riservata a componimenti in forma di lettera su tema scelto annualmente dal comitato organizzatore. Tema della XXII edizione è “il conforto” ispirato alla frase: “Le tue parole mi giunsero come carezze…” tratta dal volume Vittoria Aganoor, Lettere d’amicizia a Marina Sprea Baroni Semitecolo (1881-1909), a cura di Ornella Pittarello.
“Questa edizione del premio – affermano gli organizzatori – giunge in un momento molto particolare della nostra nazione. Non possiamo ignorarlo e sicuramente inciderà in maniera profonda sia su questa edizione del premio sia su quello che sarà il suo futuro. La scelta del tema è stata precedente alla situazione che ci ha visto modificare profondamente il nostro stile di vita in conseguenza dell’epidemia da coronavirus ma crediamo che possa essere l’occasione per molti di raccontare ciò in cui hanno trovato conforto in questi lunghi giorni in casa”.
“La scrittura epistolare come balsamo dell’anima – è il commento dell’assessore alla cultura del Comune di Magione, Vanni Ruggeri –, il potere delle lettere di donarci una vita più grande, nello spazio, ma soprattutto nel tempo, la fiducia intrinseca nel tramite silenzioso della parola scritta, pensata, cercata “per” l’altro: il premio letterario Vittoria Aganoor Pompilj rinnova ogni anno l’arte perduta di scrivere lettere, non mancando di confrontarsi col presente, ma anzi fornendone sempre stimolo e “pretesto” di pacata riflessione.

La sua vitalità si conferma costantemente per la crescente attenzione da parte del mondo dell’editoria, del pubblico di lettori e scrittori, accademici e ricercatori: una storia lunga oltre un ventennio che traguarda quest’anno anche un importante passaggio di consegne all’interno delle rispettive giurie e non può che ben augurare al successo di un format che, insieme all’omonimo Festival, ha fatto di Monte del Lago il “paese delle corrispondenze”.
Questa edizione del premio ha visto anche il rinnovo delle giurie. Per la prima sezione il ruolo di presidente è stato assunto da Adriana Chemello dell’Università di Padova. La seconda sezione dal giornalista Mino Lorusso con l’ingresso di figure legate, a diverso titolo, al mondo dell’editoria: scrittori, editor, editori, librai.

LE GIURIE
Prima sezione – Maurizio Tarantino (presidente onorario) direttore Biblioteca Classense e MAR di Ravenna; Adriana Chemello (presidente), Università di Padova; Isabella Nardi, Università di Perugia; Mario Squadroni, Università di Perugia; Massimiliano Tortora, Università di Torino; Fabrizio Scrivano, Università di Perugia.
Seconda sezione –  Vittoria Bartolucci (presidente onorario) poetessa; Mino Lorusso (presidente) giornalista; Fabio Versiglioni, presidente Associazione Editori Umbri; Giovanni Dozzini, scrittore; Costanza Lindi e Elena Zuccaccia, Studio editoriale Settepiani; Maria Grazia Virgilio e Monica Fanicchi, libreria Libri Parlanti. (144)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini