1Perugia – Terni, 10 aprile 2020 – Anche a Perugia e Terni è stata una festa senza festa. E non poteva essere diversamente. Il lockdown per l’emergenza coronavirus ha naturalmente fermato le celebrazioni per il 168mo anniversario della fondazione della Polizia di Stato. Questa mattina nei due capoluoghi di provincia una semplice deposizione di corone ai caduti. Subito dopo, a Terni, la polizia nel ringraziare il personale sanitario del Santa Maria, ha donato un grande uovo di Pasqua.  Per quanto concernono i dati sull’attività della Questura di Peruia, prosegue la lotta al fenomeno dell’immigrazione clandestina; nel periodo in esame, l’attività di settore ha determinato l’espulsione dal territorio dello Stato Italiano di 279 cittadini stranieri irregolari e/o sprovvisti di qualsiasi titolo. 90 sono stati i clandestini coattivamente accompagnati alla Frontiera, 52 ai C.P.R., 99 con Ordine del Questore e 38 con intimazione della medesima Autorità. L’ufficio Immigrazione ha rilasciato 19.115 Permessi di Soggiorno. Il numero complessivo dei delitti commessi sia nella Provincia che nel Comune di Perugia è in lieve calo rispetto agli anni precedenti. Nello specifico, rispetto al periodo 2018/2019 la diminuzione si attesta al -5,6% nella Provincia e al -7,2% nel Comune. Tale risultato è la conseguenza dei servizi predisposti in ambito urbano ed extraurbano finalizzati al contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa.

2La Squadra Mobile ha complessivamente arrestato 98 persone e 162 sono quelle denunciate. Di rilievo l’operazione «INFECTIO» che ha permesso di scardinare un consolidato sodalizio criminale di tipo associativo, finalizzato al traffico di sostanze stupefacenti, nonché all’inquinamento dell’economia sociale. L’operazione ha determinato 23 misure cautelari a carico di altrettante persone, nonché il sequestro preventivo, ai fini della confisca, di 11 società operanti un Umbria, Lazio e Lombardia per un valore complessivo di oltre 10 milioni di Euro. In ambito della criminalità organizzata straniera, si segnala un’operazione che ha permesso di disarticolare un sodalizio criminale di etnia Nigeriana dedito prevalentemente alla tratta di donne di colore e allo sfruttamento della prostituzione. Nella Provincia di Perugia sono presenti quattro Commissariati distaccati, dislocati in centri di grandi dimensioni, densamente popolati e con maggiori o specifiche esigenze di Pubblica Sicurezza, e precisamente nelle cittadine di Assisi, Foligno, Città di Castello e Spoleto.

3Il Commissariato di Assisi ha tratto in arresto 22 persone e denunciate 154 in stato di libertà. Quello di Foligno ha tratto in arresto 22 persone e denunciate 118 in stato di libertà. L’ufficio di Spoleto ha tratto in arresto 17 persone e denunciate 113 in stato di libertà. L’Ufficio di Città di castello ha tratto in arresto 18 persone e denunciate 182 in stato di libertà. La Polizia Stradale ha svolto attività di controllo del territorio nell’ambito dei servizi di specifica competenza. Sono state denunciate 146 persone, eseguiti 14 arresti, effettuati numerosi fermi amministrativi e sequestri di veicoli rinvenuti quali oggetto di furto. Sono state impiegate 4.637 pattuglie per la vigilanza stradale, che hanno prodotto 19.301 contestazioni di violazioni al C. d S., per la maggior parte per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e in stato di alterazione psico-fisica. Sono stati rilevati 871 incidenti stradali, 257 con feriti e 5 mortali. Sono state altresì ritirate 368 patenti di guida per un totale di 30.781 punti decurtati e il sequestro di 9 veicoli e di 4 documenti di circolazione.

La Polizia Ferroviaria, dislocata negli snodi principali di Perugia e di Foligno, ha svolto, nell’ambito dei servizi di specifica competenza, attività di controllo delle stazioni e a bordo dei treni contribuendo al conseguimento dei risultati generali. Sono state identificate 12.681 persone, eseguiti 5 arresti in flagranza di reato e denunciate all’Autorità Giudiziaria 39 persone. (116)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini