1Bastia Umbra, 15 aprile 2020 –  Cari lettori, ancora una volta l’Istituto Polo Bonghi parla ai suoi cittadini, ancora una volta siamo pronti a sostenere tutti coloro che nel tempo hanno creduto e sosterranno la nostra azione formativa. Dirigente scolastico, professori, personale di segreteria, tecnici, bidelli e studenti si sono attivati per offrire e migliorare, sin dall’immediato, attività didattiche a distanza capaci di trasformare la sospensione delle lezioni in presenza, in una risposta efficace e utile all’educazione: la didattica a distanza.
Nostro primo obiettivo è quello di non interrompere l’apprendimento, garantendo una scuola percepita come comunità di persone con i suoi valori, idee, strategie e metodologie. Una comunità che si ritrova al telefono, al computer, che ricostruisce legami anche più forti di prima.
Parola chiave a tal riguardo è “interazione”, da realizzare attraverso collegamenti diretti, con video lezioni tenute dai professori in orario scolastico (e non solo), utilizzando piattaforme digitali, il Registro elettronico migliorato e ampliato nelle sue funzionalità, videoconferenze, trasmissione ragionata di materiali didattici, chat di gruppo e comunicazioni personali.

Non risparmiamo né energie né mezzi per fare questo, offriamo il nostro tempo e le nostre competenze, diamo in prestito i nostri computer e i nostri tablet.
L’assegnazione ragionata dei compiti da svolgere è accompagnata da una spiegazione dei contenuti e dal successivo intervento di chiarimento degli stessi. Anche la parte laboratoriale, così cara e utile agli istituti tecnici e professionali, si avvale di laboratori digitali e di unità di apprendimento propedeutiche alla formazione.
Quanto lo studente produce in autonomia si trasforma in un importante momento di relazione tra docente e discente, realizzato in aule virtuali attive in tempo reale. Le Programmazioni disciplinari di ogni singolo docente e di Classe sono riprogettate nei Consigli di Classe in videoconferenza, seguiti da bilanci capaci di verificarne l’efficacia.

Una particolare cura è riservata al processo di inclusione di alunni con disabilità, curandone i rapporti con lo studente stesso e le rispettive famiglie, attraverso la produzione di materiali personalizzati concordati e un feedback periodico sullo stato di realizzazione dei piani individualizzati.
Infine la didattica a distanza rende necessario l’utilizzo anche di strumenti compensativi e dispensativi per alunni DSA e BES per i quali, in caso di necessità, la Scuola provvede fornendo in prestito tablet e computer.
Nessuno è lasciato solo, nessuno è lasciato indietro.
Tutto quanto sopra riportato è attuato non con la pretesa di sostituire le lezioni a scuola – quelle vissute tra i banchi a noi così cari – e non può certamente essere paragonato a un saluto di fronte al portone d’ingresso sempre aperto a sogni e speranze, ma mostra il desiderio di spronare tutti noi a dare il meglio, fiduciosi che presto sapremo trasformare anche questa imprevista esperienza nella più importante unità di apprendimento non programmata.
Tempestività, trasparenza, comunicazione, impegno e valorizzazione: questo è ciò che muove l’Istituto Polo Bonghi.

Salutiamo tutti con sincero affetto. Insieme ce la faremo! I docenti e il Dirigente scolastico del Polo-Bonghi (125)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini