Il progetto, nell’ambito del programma Agenda Urbana “Vision Foligno 2020 Smart Community, è stato curato dall’area cultura del Comune di Foligno in collaborazione con l’Associazione Amici dell’Abbazia di Sassovivo, ente no profit

SASSOVIVO 3FOLIGNO, 16 aprile 2020 – E’ stato realizzato un filmato, con riprese aeree, ricostruzioni grafiche e animazioni di modelli tridimensionali, che racconta la storia dell’abbazia di Sassovivo, uno dei siti medievali più importanti del territorio di Foligno. Un breve promo del filmato – prodotto da ALTAIR4 Multimedia – è visionabile da oggi attraverso un link dalla pagina “Foligno cult”, http//www.comune.foligno.pg.it/pagine/foligno-cult-notizie-dal-settore-cultura accessibile dalla sezione turismo e cultura dal sito del Comune di Foligno, o dal canale social del Comune. Il filmato propone la storia della abbazia, le sue fasi costruttive e i risultati ottenuti in anni di ricerca e di scavi archeologici condotti nell’area del complesso monastico. Il filmato, nella sua interezza (15 minuti), sarà visibile nella nuova sala multimediale allestita al museo di Palazzo Trinci. La “sala Sassovivo”, visitabile appena sarà possibile riaprire il museo al pubblico, doveva essere inaugurata proprio oggi.

E’ stata ideata per illustrare, attraverso tecnologie informatiche e contenuti multimediali, la storia dell’abbazia, le fasi costruttive e i risultati delle ricerche e degli scavi archeologici condotti nell’area. L’intero progetto, nell’ambito del programma Agenda Urbana “Vision Foligno 2020 Smart Community, comunità sostenibilità accessibilità”, è stato curato dall’area cultura del Comune di Foligno in collaborazione con l’Associazione Amici dell’Abbazia di Sassovivo, ente no profit, da diversi anni impegnato nella campagna di indagini e scavi archeologici presso l’abbazia, condotti assieme alla Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio della Sapienza Università di Roma, alla Pontificia Università Gregoriana di Roma e all’Hungarian Natural History Museum-Eotvos Lorànd University di Budapest. (101)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini