LA POLIZIA DI STATO LO DEFERISCE ALL’UTORITA' GIUDIZIARIA E GLI RITIRA UN FUCILE REGOLARMENTE DENUNCIATO

POLIZIA BASILICA 1Assisi, 22 aprile 2020 – Altro che città della pace. Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato di P.S. di Assisi sono intervenuti in una frazione del comune serafico per una segnalata lite in famiglia. Giunti sul posto gli operatori hanno immediatamente potuto accertare che si era appena consumata una lite tra i due coniugi la quale, nelle dinamiche, non si limitava ad uno alterco verbale bensì sfociava anche in uno scontro fisico di fronte ai figli minori della coppia presenti all’interno dell’abitazione. I poliziotti, vista la situazione, hanno immediatamente compreso l’importanza di ogni gesto o parola espressa in quel contesto cercando, sin da subito, di tranquillizzare la donna ed i bambini attraverso comportamenti e parole che potessero far percepire il senso di protezione.
A seguito di tali aggressioni la donna, con il conforto degli agenti del Commissariato di Assisi, ricorreva alle cure mediche presso il locale ospedale, il quale certificava la presenza di lesioni non gravi.

La vittima, non nuova a soprusi del genere, riusciva ad andare avanti nella conduzione del quotidiano giornaliero con la speranza costante che le cose potessero cambiare.
L’uomo, detentore di un fucile regolarmente denunciato il quale veniva ritirato in forma cautelativa, veniva deferito all’A.G. per il reato di maltrattamenti in famiglia e, al termine delle attività di rito, lasciava l’abitazione. (87)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini