Orgoglio di Confindustria Umbria per la nomina dell’imprenditore umbro

1Perugia, 30 maggio 2020 – L’imprenditore umbro Antonio Campanile, presidente di Saci Industrie spa, è uno dei 25 nuovi Cavalieri del Lavoro nominati oggi dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
“La nomina di Antonio Campanile a Cavaliere del Lavoro – ha sottolineato il presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni a nome di tutti gli imprenditori associati – ci rende orgogliosi. In questo momento particolarmente incerto rappresenta una notizia positiva non solo per il sistema industriale della nostra regione, ma per l’intera comunità umbra. Si tratta di un riconoscimento molto prestigioso che onora un imprenditore capace e lungimirante ed una famiglia unita che sta portando avanti un importante progetto imprenditoriale”.
La storia di Saci Industrie, fondata nel 1925 da Antonio Campanile senior a Ponte San Giovanni, è strettamente legata a quella di Confindustria. Nel 1944 Saci è stata tra il ristretto gruppo di aziende che hanno rifondato l’Associazione provinciale degli industriali.
Oggi l’azienda è guidata da Antonio Campanile e dai figli Filippo, Alessandro e Lorenzo che da anni dirigono il Gruppo specializzato nel settore della detergenza ad uso domestico e professionale.
Antonio Campanile ha sempre portato il suo contributo all’attività associativa ricoprendo diversi incarichi fino alla presidenza di Confindustria Perugia dal 2007 al 2011. Attualmente fa parte del Consiglio Generale di Confindustria Umbria.
In questi mesi di emergenza, Saci Industrie è stata particolarmente impegnata nel far fronte alla grande richiesta di prodotti disinfettanti e detergenti e per fare in modo che non mancassero in nessuna parte d’Italia. L’azienda si è distinta, inoltre, per l’attenzione alle necessità del territorio supportando la Protezione Civile e il Sistema sanitario regionale.
“In questa fase di profonda trasformazione che richiede una rinnovata energia – ha aggiunto Alunni – aziende come Saci Industrie e imprenditori come Campanile possono rappresentare un modello di riferimento per tutto il nostro territorio”. (157)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini