Lo chiede il capogruppo di Terni Civica, Michele Rossi, il quale vuol capire come mai ci si sia accorti del problema solo adesso visto che quasi sempre quel tratto del raccordo è interessato da vari lavori

1Terni, 3 giugno 2020 -“Fermo restando che la sicurezza viene prima di tutto e che occorre sempre e comunque prevenire ogni tragedia, e che trovo assolutamente giusto per questo aver proceduto alla completa chiusura della viabilità del tratto interessato dal danneggiamento – dichiara in una nota il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi –  occorre però intervenire sul viadotto di Nera Montoro con lavori di massima urgenza e celerità.  Terni altrimenti pagherà pesantemente il suo isolamento.E’ necessario un impegno diretto e a tutti i livelli nell’ interesse della città e della sua economia.
Sembra un brutto scherzo del destino essere arrivati alla chiusura del viadotto nel giorno in cui tornano ad essere nuovamente possibili gli spostamenti tra le regioni e con i primi dati turistici incoraggianti della Cascata delle Marmore e del nostro comprensorio, ma anche più in generale per l’intera Umbria in particolare per il vicino Spoletino e la Valnerina, zone che, come il Ternano, possono essere raggiunte per chi proviene dal Sud Itala solo passando per il raccordo Terni-Orte.

Chiedo di far completa luce sulla chiusura e sui tempi dei lavori, che da quanto si legge dovranno essere prima progettati; capire come mai ci si sia accorti del problema solo adesso visto che quasi sempre quel tratto del raccordo è interessato da vari lavori come sanno bene coloro che lo percorrono quotidianamente.  A seguito del crollo del ponte di Genova lo stato di tutti i viadotti, inoltre, dovrebbe essere stato valutato attentamente. Appare quanto mai sfortunato non aver scoperto prima l’esistenza del problema riguardante la struttura di un pilone che per la natura del danneggiamento non può essere recente e il non aver potuto programmare i lavori necessari in altri periodi dell’anno ma solo ora a ridosso di una stagione turistica in ripartenza e ripresa post lockdown”.
“Se Terni sarà costretta per molti mesi a subire questa situazione pesantisima – conclude Michele Rossi – le conseguenze saranno altrettanto rilevanti, anche per la concomitanza con il periodo estivo, in campo turistico e produttivo. Pertanto occorre agire presto, e fare altresì immediata chiarezza su possibili imprevidenze di ogni tipo”. (238)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini