Scoperto alla periferia della città un appartamento dove era occultata oltre 1,5 kg di cocaina. La Polizia di stato arresta un cittadino albanese di 39 anni

1Foligno, 8 giugno 2020 – “Operazione sesto senso” degli agenti del Commissariato di Foligno, che hanno arrestato per spaccio un giovane albanese insospettabile di 39 anni, incensurato, con regolare permesso di soggiorno. Grazie ai cani antidroga, Hermes e Edox, è stato scoperto oltre 1,5 Kg di cocaina, ben occultata dentro un involucro murato in soffitta. I cani, però, non hanno avuto dubbi, hanno fiutato lo stupefacente da terra e così i poliziotti hanno raggiunto il pertugio con una scala, poi a colpi di mazza hanno abbattuto il muretto e tirata fuori la droga. L’albanese, impiegato da tempo nell’edilizia e attualmente in cassa integrazione, aveva messo in piedi una fiorente piazza di spaccio alla periferia della città, in un piccolo condominio, dove l’andirivieni di “clienti”, soprattutto di notte, ha insospettito i residenti che hanno subito segnalato i movimenti al Commissariato di Foligno.  Gli agenti, diretti dal vice Questore Bruno Antonini, hanno così deciso di tenerlo sotto controllo lo stabile e il giovane con piccoli precedenti per spaccio risalenti al 2011, ma per giorni non hanno rilevato movimenti rilevanti.

2La “volante” ha più volte identificato tossicodipendenti che frequentavano l’appartamento, infine, sabato scorso, la Polizia ha deciso di intervenire con l’ausilio di due cani antidroga della Questura di Ancona. L’albanese si è affacciato più volte dal suo appartamento, ha parlato cin una persona facendosi dei cenni, poi è sceso di casa molto disinvolto e dopo, aver bevuto un caffè, è tornato nuovamente nell’appartamento dove ha incontrato una persona, dopo aver fatto dei cenni dalla finestra. Infine è uscito, si è portato in un bar alla periferia e, dopo essersi guardato intorno, ha messo le mani in tasca, mentre si avvicina a lui una persona. A questo punto gli agenti sono intervenuti e l’albanese, L.R, queste le sue iniziali, vistosi in trappola perché i cani hanno subito sentito lo stupefacente, ha tentato di fuggire, ma è stato acciuffato e perquisito. Nella cintola dei pantaloni aveva nascosti 5 grammi di cocaina, mentre negli slip altri 13 grammi.

3Scattava così la perquisizione nella sua vecchia casa di Ponte Centesimo e poi in quella alla periferia di Foligno, dove in quest’ultima i cani non avvertivano nessun odore particolare. Appena usciti sul pianerottolo, invece, Hermes e Edox si sono come arrampicati sul muro, come se volessero raggiungere il soffitto, dove c’era la botola di accesso alla soffitta. E’ stato fatto salire anche il cane che ha subito avvertito la cocaina nascosta in un involucro più grande 1,100 Kg e altri 350 in uno più piccolo, nonché sei piccole confezioni già pronte per lo spaccio e un bilancino di precisione. Sequestrati anche 3.350 Euro.

“La qualità cocaina è abbastanza buona –ha detto ai giornalisti il dirigente del Commissariato Antonini- e sul mercato avrebbe oscillato tra i 250 e i 500 mila euro a seconda dei tagli dello stupefacente”. A quale mercato era rivolta la cocaina? A Foligno e dintorni o in altre città dell’Umbria? La Polizia sta indagando, mentre l’albanese resta in carcere a Spoleto e, sicuramente, non collaborerà per dare un nome a chi gli ha fornito la droga e un indirizzo della fonte di approvvigionamento. (185)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini