Si trova a Villa Fabri. Disciplinare al vaglio del consiglio comunale. Assessore Moccoli: “Così è garantita la libertà di accomiatarsi da un proprio caro secondo il personale modo di dare significato alla propria vita”

villa fabriTrevi, 13 giugno 2020 – La città di Trevi potrà avere finalmente un luogo pubblico dove effettuare cerimonie funebri di carattere laico non contrastanti con l’ordinamento giuridico. L’amministrazione comunale ha infatti destinato allo scopo la “Cappella Boemi” di Villa Fabri. La camera ardente per funerali laici è prevista dalla Legge regionale Umbria n. 11 del 09/04/2015 “Norme in materia di cremazione, dispersione delle ceneri e servizi cimiteriali” nonché della deliberazione della Giunta regionale del 28/07/2017 n. 890 che prevede di dedicare strutture o locali destinati occasionalmente alla sosta temporanea di un feretro chiuso ai fini del tributo di speciali onoranze.

Tale provvedimento sarà regolato da un apposito disciplinare, che la Commissione Statuto e Regolamenti del Comune di Trevi- presieduta dal consigliere Roberto Venturini- ha licenziato di recente per inviarne il testo all’approvazione del Consiglio comunale, anche come appendice al vigente regolamento di polizia mortuaria.

“Abbiamo dato applicazione alla legge regionale in materia – spiega l’assessora alle politiche istituzionali Stefania Moccoli – andando così incontro alle esigenze di quanti desiderano accomiatarsi da un defunto in maniera laica, molti Comuni, come il nostro, oltre a non istituire la sala per le onoranze, non contemplano nemmeno la possibilità di ricordare il defunto nel caso la funzione non preveda il rito religioso, e molte persone per questo motivo si trovano in difficoltà. Un luogo dignitoso ove celebrare un funerale laico consente a tutti la libertà di ritagliare per sé e per i propri cari il rito che meglio esprime il loro personalissimo modo di dare significato alla propria vita, pertanto riteniamo questo un gesto di civiltà”.

Il disciplinare prevede, tra l’altro che la sala “Cappella Boemi” sarà utilizzabile negli orari di apertura al pubblico già stabiliti per Villa Fabri. La cerimonia non dovrà superare le quattro ore e sarà fissata nella data e nell’orario richiesto compatibilmente con altre cerimonie, eventi o manifestazioni già precedentemente fissati all’interno della stessa Cappella Boemi o dell’intera struttura di Villa Fabri al fine di evitare sovrapposizioni. (157)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini