Covid-19, gli ospedali dell’Azienda Usl Umbria 2 partecipano alla sperimentazione per sconfiggere il virus. Oggi al “San Giovanni Battista” di Foligno Servizio Immunotrasfusionale al lavoro per la raccolta di plasma ottenuto da soggetti guariti dall’infezione

1Foligno, 15 giugno 2020 – Anche il Servizio ImmunoTrasfusionale della Azienda Usl Umbria 2 diretto dalla dr.ssa Marta Micheli, avendo aderito insieme ai centri della Regione Umbria allo studio nazionale “Tsunami” (acronimo di TranSfUsion of coNvalescent plAsma for the treatment of severe pneuMonIa due to SARS.CoV2), partecipa alla sperimentazione per valutare il ruolo e l’efficacia del plasma iperimmune ottenuto da soggetti guariti da infezione Covid-19. Dopo alcune settimane utilizzate per il reclutamento dei donatori che si sono presentati al Servizio Trasfusionale spontaneamente o su indicazione delle Avis provinciali, da questa mattina si è passati alla fase di raccolta effettuata presso il SIT di Foligno. Per i prossimi giorni sono in programma iniziative analoghe presso il Servizio Trasfusionale degli ospedali “San Matteo degli Infermi” di Spoleto e “Santa Maria della Stella” di Orvieto.

“Il plasma – spiega la dottoressa Micheli – è un bene di strategica importanza e opportunamente lavorato permette la creazione di farmaci e terapie di cura fondamentali per la salute di tante persone. Oggi – conclude la professionista dell’Azienda Usl Umbria 2 – è ancora più importante perchè rappresenta l’arma di emergenza per rispondere ad un possibile seconda ondata del Coronavirus”.

 

 

  (129)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini