Una straniera inottemperante all’espulsione e due rumene per taccheggio

QUESTURA TERNITerni, 15 giugno 2020 – Sono tre le persone denunciate dalla Polizia di Stato ternana nel fine settimana, nel corso dei controlli del territorio: si tratta di tre donne, fermate in diverse operazioni della Squadra Volante. Due ragazze, entrambe rumene, sono state bloccate dagli agenti appena uscite da due negozi dopo aver fatto scattare l’allarme antitaccheggio. In entrambi i casi, sono stati i commessi a richiedere l’intervento dei poliziotti che sono arrivati tempestivamente, in quanto già in zona, impegnati nei servizi di prevenzione e contrasto del crimine diffuso.

La prima è stata fermata a Borgo Bovio, dopo che aveva oltrepassato le casse senza pagare la merce che aveva nella borsa: prodotti per le punture delle zanzare e lamette per oltre 150 euro. Ad aspettarla fuori dal negozio, un uomo che è fuggito all’arrivo della Volante.

L’altra, giovanissima, aveva tentato di uscire da un negozio di Corso Tacito con, nascoste nello zaino, 16 confezioni di calze per un totale di 72, 57 euro.

Entrambe incensurate e da poco in Italia, sono state denunciate per taccheggio.

Una terza donna, una cittadina cubana di 54 anni, fermata in centro dalla Volante per un normale controllo, è risultata inottemperante ad una precedente espulsione proprio della Questura di Terni, per questa inottemperanza, è stata denunciata.

Controlli interforze del fine settimana per una movida sicura: sanzione per il gestore di un distributore automatico.

 

E’ stato appurato che erogava alcol dopo la mezzanotte: prevista una multa da 5.000 a 20.000 euro.

 

Sempre intensa l’attività di controllo interforze nel fine settimana, per monitorare che la movida abbia luogo in modo responsabile e anche con il rispetto anche delle norme anti-contagio

In questo fine settimana di metà giugno, i controlli della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, sono stati estesi anche ai distributori automatici, posizionati in varie zone della città, per verificare il rispetto degli orari fissati dalla legge, per quanto riguarda la vendita di bevande alcoliche.

Su 7 punti di distribuzione controllati, 1, situato in centro, è risultato erogare alcol dopo la mezzanotte: è stato individuato il gestore e per lui è prevista una sanzione da 5.000 a 20.000 euro.

 

  (119)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini