1Massa Martana, 16 giugno 2020 – Adriana, Albertina, Alice, Angela, Anna, Anna, Carla, Clara, Clara, Clara, Daniela e Paolo, Fiorella, Giannina, Giovanna, Graziana, Ivana, Lisa, Luisa, Lorenza, Mary, Marinella, Marisa, Maurella, Mirella, Monica, Roberta, Sandra, S. Rosalia, Valentina sono le sarte che, insieme ad altre che hanno voluto mantenere l’anonimato, rispondendo alla richiesta del Comune di Massa Martana hanno confezionato a titolo gratuito settemila mascherine la cui distribuzione è terminata in questi giorni. La consegna è avvenuta porta a porta per mezzo dei volontari della Protezione Civile. Sono state consegnate due mascherine per ogni componente del nucleo familiare, distinte per sesso, compresi i bambini a partire dai 3 anni. Il piano di distribuzione ha preso avvio dalla frazione di Mezzanelli per poi proseguire con Colpetrazzo, Villa San Faustino, Montignano, Castelrinaldi, Viepri-Castelvecchio e infine Massa Martana capoluogo comprensiva della campagna e delle zone montane.

Le mascherine, prodotte dalle abili mani delle nostre sarte, sono delle protezioni individuali non sanitarie realizzate in cotone. Indossarle è utile per proteggere gli altri dal rischio di contagio. Possono essere riutilizzate lavandole ad alte temperature ogni volta che le si indossa. “Vogliamo ringraziare – dichiara l’Amministratore Comunale – a nome nostro e di tutta la Comunità di Massa Martana, le nostre sarte. Un grande gesto di solidarietà rivolto a tutta la cittadinanza che renderà Massa Martana più sicura.

Un grazie anche alle numerose famiglie, attività, aziende, Comunanze Agrarie, Pro-loco, circoli e associazioni locali che con le loro donazioni hanno reso possible la realizzazione delle suddette mascherine e alla Protezione Civile senza la quale non sarebbe stato possibile raggiungere tutte le famiglie. Un ringraziamento anche alle Amministratrici locali che hanno coordinato il lavoro delle sarte, sanificato e confezionato ogni singola mascherina. Grazie agli Uffici Comunali competenti per la preziosa collaborazione. Il lavoro di cucitura, stoccaggio e consegna, nonostante ciò, è stato piuttosto lungo e complesso – conclude l’amministrazione comunale -. Siamo pertanto consapevoli che inavvertitamente siano sfuggite alcune persone. Vi preghiamo pertanto, in caso di mancata consegna, di contattare, anche via Whatsapp, il numero 370.370.7032. Il Servizio di Protezione Civile provvederà alla consegna previo accertamento del mancato recapito”. (76)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini