dscn2674Assisi, 01 luglio 2020 – Gli agenti del Commissariato P.S. di Assisi hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 25enne cittadino albanese, immune da precedenti di polizia e regolare sul territorio nazionale, da tempo stabilmente residente nel Comune di Bastia Umbra dopo averlo sorpreso a spacciare cocaina nei vicoli del centro storico della città. I poliziotti in borghese stavano effettuando un servizio di contrasto all’uso e allo spaccio di sostanze stupefacenti monitorando le zone più frequentate dai giovanissimi e interessate dalla movida notturna. Nel corso di un servizio di osservazione, gli agenti di polizia notavano sopraggiungere un giovane a bordo della sua autovettura che poco dopo veniva raggiunto da un altro soggetto, già noto alle FFOO per i suoi precedenti di polizia per droga. Dopo un breve colloquio quest’ultimo consegnava al conducente dell’auto qualcosa per poi dileguarsi.
Gli agenti decidevano dunque di seguire la macchina per poi fermarla e procedere al controllo del conducente. Si trattava di un 43enne, cittadino italiano, incensurato. L’uomo veniva trovato in possesso di una dose di cocaina acquistata poco prima al prezzo di 30 euro. La sostanza, del peso di circa mezzo grammo, veniva sequestrata e l’uomo condotto in Commissariato per le formalità di rito a seguito delle quali sarebbe stato segnalato alla locale Prefettura ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90 in quanto assuntore abituale di sostanze stupefacenti.

Raccolte le dichiarazioni del consumatore, gli agenti iniziavano un servizio di pedinamento dell’uomo che era stato visto poco prima consegnare qualcosa al 43enne.  Verso le ore 01.00 di notte i poliziotti riuscivano a rintracciarlo nuovamente in piazza a Bastia Umbra. L’uomo, un 25enne di origini straniere ma già noto alle FFOO per i suoi precedenti di polizia, veniva fermato e sottoposto a controllo. Successivamente il controllo veniva esteso anche alla sua autovettura e alla sua abitazione. All’interno dell’abitazione venivano rinvenuti circa 7 grammi di cocaina e tutto il materiale per il confezionamento dello stupefacente destinato alla vendita: un bilancino di precisione, ritagli di cellophane e sostanza utilizzata per il “taglio” dello stupefacente. Al termine delle attività di rito il 25enne veniva tratto in arresto e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Al termine della relativa udienza, l’arresto veniva convalidato ed il cittadino albanese condannato a sei mesi di reclusione. (116)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini