Assessore Melasecche: un progetto organico per integrare ciclovie, cammini e sentieri. Un unicum di grande valore

1Perugia, 23 luglio 2020 – “L’Umbria sta diventando il crocevia degli itinerari ciclabili nazionali. La Regione Umbria, insieme al Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti e alle altre Regioni, sta infatti disegnando la rete ciclistica nazionale denominata Bicitalia costituita da una rete di percorsi che toccano tutta Italia”. È quanto rende noto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Enrico Melasecche, che spiega: “L’Umbria sarà infatti attraversata da nord a sud dalla Ciclovia del Sole, che costituisce anche l’itinerario europeo Eurovelo 7, che tocca le città principali di Bolzano, Verona, Bologna, Firenze e Roma; a questa si aggiunge una ciclovia che percorre la valle del Tevere da San Giustino a Perugia, proseguendo per Assisi e Spoleto”.
“Nel piano – aggiunge l’assessore – troviamo inoltre ben tre attraversamenti est-ovest di cui il più a nord è costituito dalla Grosseto-Arezzo-Gubbio-Ancona, che si sviluppa lungo il tracciato della ex Ferrovia dell’Appennino Centrale, dismessa nel dopoguerra e sulla quale sono in corso i lavori di recupero ai fini ciclabili del tratto Umbertide-Gubbio-Fossato di Vico, con finanziamenti di 3 milioni di euro, 2 dalla Regione e 1 dalla Fondazione delle Casse di Risparmio dell’Umbria. C’è inoltre la ciclovia Monte Argentario-Civitanova Marche, che nella nostra regione attraversa i territori di Orvieto, Todi, Perugia, Assisi, Foligno, per proseguire verso Colfiorito e Macerata lungo l’asse della SS 77 Val di Chienti, e per la quale, in accordo con la Regione Marche, siamo fiduciosi di poter raccogliere le risorse necessarie al suo completamento”.
“L’altro collegamento nazionale – prosegue – è costituito dalla ciclovia Civitavecchia-San Benedetto del Tronto che in Umbria si sviluppa lungo l’asse del Fiume Nera da Otricoli a Narni, Terni, Cascata delle Marmore, Sant’Anatolia di Narco, dove si connette alla ex Ferrovia Spoleto-Norcia per proseguire verso Ascoli Piceno”.
“È un piano ambizioso che sta diventando realtà – sottolinea l’assessore Melasecche – e che chiama la nostra Regione a giocare un ruolo rilevante nel centro Italia, soprattutto in vista della definizione delle priorità in corso di definizione al tavolo del MIT, e al Vice Ministro Cancelleri abbiamo chiesto un impegno specifico con attenzione al successivo piano finanziario”.

“Dalla nostra – rileva – abbiamo i progetti attualmente in corso di completamento, come la pista ciclabile Foligno-Casevecchie (di collegamento con la ex ferrovia Spoleto-Norcia), la Ciclovia del Nera da Sant’Anatolia di Narco alla Cascata delle Marmore e la ciclovia Umbertide-Gubbio-Fossato di Vico, insieme ai tratti già in esercizio (Tevere, Trasimeno), che ci aiuteranno a ben posizionarci nella scala delle priorità nazionali”.
“Per tale motivo – afferma – occorre un lavoro di squadra tra la Regione e tutti gli Enti interessati dai tracciati, così da fare i passi necessari per il completamento dei tratti ancora mancanti”.
“A tale proposito – comunica l’assessore Melasecche – verrà costituito a breve un coordinamento permanente, per far sì che le azioni in corso per il reperimento di finanziamenti, la realizzazione delle nuove opere e la loro manutenzione vadano nella stessa direzione, evitando così – conclude – sprechi, ritardi e disfunzioni nel perseguimento dell’obiettivo di rendere la nostra regione una delle principali mete del cicloturismo nazionale ed internazionale. In parallelo va avanti il progetto ambizioso che recupera e realizza cammini e sentieri”. (132)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini