1Città di Casyello, 8 agosto 2020 – “Nell’emergenza da Covid-19 l’ospedale di Città di Castello ha fatto una coraggiosa operazione di solidarietà regionale nella prospettiva di essere valorizzato come merita e gli impegni presi dalla Regione Umbria sono importanti, perché collocano la nostra struttura sanitaria a un livello di eccellenza assoluta con investimenti su reparti nuovi e importanti che le daranno lustro, ma richiedono da parte nostra la vigilanza necessaria perché vengano pienamente rispettati”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco Luciano Bacchetta nell’intervento con cui ha risposto all’interrogazione dei consiglieri del Pd Mirko Pescari, Vittorio Massetti, Massimo Minciotti, Letizia Guerri e Luciano Tavernelli “sui tempi e la strategia per l’uscita completa dalla situazione di crisi e per la ripresa dell’erogazione ordinaria dei servizi ospedalieri” nella Fase 3 dell’emergenza da Covid-19. Con il documento, illustrato nella seduta del consiglio comunale dal consigliere Minciotti, gli esponenti della maggioranza avevano chiesto di sapere se i vertici regionali della sanità umbra stessero “condividendo le scelte operative con i rappresentanti istituzionali del territorio, in primis con il sindaco ed i dirigenti delle strutture sanitarie”, se fosse intenzione della giunta regionale “mantenere il servizio di residenza sanitaria assistenziale esternalizzato presso la Muzi Betti”, i tempi della “completa ripresa della operatività dei servizi ospedalieri sospesi per l’emergenza Covid” e le prospettive di potenziamento della rete sanitaria territoriale e ospedaliera. Il sindaco Bacchetta ha riferito in aula i contenuti di una comunicazione dell’ex commissario straordinario dell’Usl Umbria 1 Silvio Pasqui, illustrando le previsioni del piano per la fase 3 dell’emergenza da Covid-19 stilato dalla Regione, che è stato inviato al Ministero e prevede per l’ospedale di Città di Castello una serie di interventi per un investimento di oltre 3 milioni di euro complessivi:

  • sulla Terapia intensiva, con l’ampliamento della disponibilità di posti Ietto all’interno dell’attuale area di terapia intensiva mediante acquisizione di dotazioni strumentali (4 posti Ietto in più) in una superficie interessata di circa 180 metri quadrati con un investimento stimato di 290 mila euro e lavori della durata di 2 mesi (esclusi affidamenti di incarichi e progettazione); la trasformazione dell’area destinata ad ambulatorio protetto in area intensiva in conformità al DPR 14/01/1997, mediante lavori di ristrutturazione e adeguamento e l’acquisizione di 6 posti Ietto, per una superficie interessata di circa 320 metri quadrati, un investimento stimato in 860 mila euro e una durata dei lavori di 5 mesi (esclusi affidamenti di incarichi e progettazione);
  • sulla Terapia semintensiva, con l’adeguamento dei posti letto nella Unità Operativa di Medicina all’attività di semintensiva, sia attraverso interventi impiantistici, sia mediante l’acquisizione di 14 posti letto, di cui 8 per Pneumologia e 6 per Malattie Infettive, per una superficie interessata di circa 450 metri quadrati, un investimento stimato in 380 mila euro e lavori della durata di 2 mesi (esclusi affidamenti di incarichi e progettazione).
  • sul Pronto soccorso, con l’adeguamento degli ambulatori di Cardiologia mediante interventi strutturali e impiantistici; lo spostamento dell’area cardiologica presso la sede della Medicina dello sport e la riallocazione della stessa in struttura extra-ospedaliera; la realizzazione di percorsi separati attraverso l’installazione di una pensilina in prossimità della Camera calda e di una struttura esterna per il pre-Triage. La superficie interessata dall’intervento sarà di circa 1.230 metri quadrati, per un investimento stimato in 1 milione 220 mila euro e una durata dei lavori di 12 mesi (esclusi affidamenti di incarichi e progettazione);
  • sull’Oncologia, con la realizzazione di un percorso separato tra Oncologia Medica e Radioterapia, per una superficie interessata di circa 400 metri quadrati, un investimento stimato in 350 mila euro e una durata dei lavori di 5 mesi (esclusi affidamenti di incarichi e progettazione).

(202)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini