L’incontro è stato organizzato dal Comune in collaborazione con il Circolo culturale Sandro Pertini

1Marsciano 12 agosto 2020 – Prosegue l’azione del Comune di Marsciano per dare voce, presso la Regione Umbria, alle criticità che riguardano l’Ospedale di Pantalla e che coinvolgono tutto il territorio della Media Valle del Tevere. Un’azione che l’amministrazione sta portando avanti insieme agli altri Comuni del comprensorio, aprendosi al confronto con altre istituzioni, con i cittadini e con gli attori della società civile, dalle associazioni alle rappresentanze sindacali. Un momento significativo di questo percorso si è svolto nel pomeriggio di mercoledì 5 agosto con un tavolo promosso dal Comune insieme al Circolo culturale Sandro Pertini di Marsciano e che ha visto la partecipazione di una rappresentanza dei medici di famiglia, con Pietro Cavalletti, che è anche il coordinatore dei medici di base per la Media Valle del Tevere, e Claudio Mariotti, e del direttore del Distretto sanitario, Maria Donata Giaimo. Per il Comune erano presenti il sindaco Francesca Mele, l’assessore alle politiche sociali Manuela Taglia e il presidente del Consiglio comunale Vincenzo Antognoni, mentre per il Circolo Sandro Pertini era presente il presidente Francesco Matteucci e Virgilio Lipparoni, medico a sua volta. Alla riunione ha preso parte anche il consigliere regionale Valerio Mancini. “Un momento di confronto – ha spiegato l’assessore Manuela Taglia – che va proprio nell’ottica di raccogliere tutte le istanze costruttive che il territorio esprime, come appunto quelle che arrivano dai medici di base, che per il loro ruolo hanno ben presenti i disagi che incontrano i cittadini, e farne un punto di forza nella fase di interlocuzione con le istituzioni regionali, in capo alle quali sta la responsabilità di governo del sistema sanitario”.

Nel corso della riunione è stata richiamata l’attenzione sulle criticità che la rete dei medici di medicina generale sta affrontando nell’interfacciarsi, in questa fase, con il resto dei servizi socio-sanitari del territorio, a partire proprio dall’Ospedale della Media Valle del Tevere, per il quale è stata ribadita la necessità che dalla Usl Umbria 1 e dalla Regione arrivino elementi di chiarezza sia sui tempi di riattivazione dei servizi che ancora non sono ripresi, sia sulle modalità di ritorno a pieno regime di quelli che invece, come chirurgia e il pronto soccorso, sono ripartiti nelle scorse settimane.

Come rappresentato, inoltre, anche dal direttore del Distretto sanitario, l’emergenza dovuta al coronavirus ha reso più evidenti anche alcune criticità strutturali e organizzative che interessavano già da prima lo stesso Distretto, condizionato da una carenza sia di personale infermieristico che dalla mancanza di alcune professionalità mediche specialistiche. Un quadro che, con lo spostamento di determinati servizi dall’Ospedale ai presidi sanitari dislocati nei singoli comuni, ha messo ulteriormente sotto pressione tutto il sistema delle prestazioni sanitarie sul territorio.

“Il Comune di Marsciano – sottolinea il sindaco Francesca Mele –, come sta dimostrando, farà tutti i passi necessari con la Regione Umbria per garantire non solo la piena operatività del nostro Ospedale ma per poter migliorare la qualità di tutte le prestazioni sanitarie cui accedono i nostri cittadini. Una partita, questa, che si giocherà anche e soprattutto nella definizione del nuovo Piano sanitario regionale al quale la Media Valle del Tevere dovrà saper concorrere, attraverso le sue istituzioni, rappresentando in modo costruttivo e forte le proposte e i bisogni che sono in campo. L’amministrazione di Marsciano farà la sua parte e ascolterà tutti. Ringrazio quindi il Circolo Sandro Pertini, i medici di famiglia a la dottoressa Giaimo per la disponibilità e il contributo che stanno dando a questo percorso. E ringrazio il consigliere regionale Valerio Mancini che, unitamente ad altri esponenti del Consiglio regionale, sta facendo un importante lavoro a sostegno di questo territorio, proprio in un’ottica di sviluppo e potenziamento organico dei servizi per i cittadini”.

All’incontro con i medici di famiglia è quindi intenzione del Comune e del Circolo Sandro Pertini dare un seguito promuovendo un ulteriore approfondimento anche in presenza di rappresentanti della Usl Umbria 1 e della Giunta regionale. “Il nostro obiettivo – conferma il presidente del Circolo Sandro Pertini, Francesco Matteucci – è contribuire ad un processo di condivisione e focalizzazione di quelle che, su questo tema così delicato, sono le priorità di lavoro e le prospettive di lungo periodo, che dovranno necessariamente prendere le mosse dalle criticità che ben conosciamo. Passaggio fondamentale sarà quindi organizzare un ulteriore confronto con il decisore regionale al quale rappresentare le istanze di cui sono portatori proprio i medici di famiglia”.

Ed una prima occasione in questo senso potrebbe essere l’incontro da programmare presso l’Ospedale e per il quale ha già dato disponibilità il direttore della Sanità regionale Claudio Dario.

  (134)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini