Condannato oggi per direttissima alla pena, sospesa, di 2 anni di reclusione ed euro 2.000 di multa

DSC_0727Perugia, 28 agosto 2020 – L’Arma dei Carabinieri di Perugia, al fine di fronteggiare la recrudescenza dei fenomeni criminali che ha interessato la città, su indicazione del Comandante Provinciale, Col. Giovanni Fabi, ha predisposto un massiccio dispositivo di rafforzamento dei servizi esterni, finalizzati al contrasto delle forme di illegalità che destano maggiore allarme sociale e, in particolar modo, in materia di sostanze stupefacenti. In tale ottica, infatti, il Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Perugia, nella giornata di ieri, hanno tratto in arresto un cittadino albanese, classe ‘90, senza fissa dimora, con precedenti di polizia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a P.U..

In particolare, i militari, durante il servizio di controllo del territorio, giunti in via Dottori, hanno notato anomale manovre di un’autovettura condotta da un giovane, il quale, resosi conto della presenza dei militari, dopo aver gettato dal finestrino un bilancino di precisione, ha tentato di eludere l’alt dandosi alla fuga.

Prontamente raggiunto, il medesimo ha opposto fattiva resistenza nei confronti degli operanti, prima di essere definitivamente bloccato. Immediata è scattata, quindi, la perquisizione personale e veicolare, nel corso della quale sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro un involucro termosaldato contenente, complessivamente, 32 g. circa di cocaina, nonché un telefono cellulare e la somma contante di euro 70,00, ritenuta provento di attività illecita.

A seguito delle ricerche effettuate anche con l’ausilio di una pattuglia G.d.F., nel frattempo intervenuta, è stato recuperato il bilancino di cui il giovane si era, precedentemente, disfatto.

Espletate le formalità di rito, l’arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale CC di Perugia e, a esito della celebrazione del rito direttissimo svoltosi nella mattinata odierna, il medesimo è stato condannato alla pena, sospesa, di 2 anni di reclusione ed euro 2.000 di multa. (94)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini