Alle 17, nella chiesa di San Nicolò, concerto “Il cornetto del doge. irtuosi passaggi nei madrigali, mottetti e canzoni del ‘500 veneziano”

1Foligno, 16 settembre 2020 – Segni Barocchi, nella sua particolare edizione del 2020 – condizionata nel calendario degli eventi dall’emergenza sanitaria – dopo le ‘Pillole’ di venerdì 11 settembre, propone altri eventi nella seconda tornata di venerdì 18 settembre. Alle 17, nella chiesa di San Nicolò, concerto “Il cornetto del doge. Virtuosi passaggi nei madrigali, mottetti e canzoni del ‘500 veneziano” con ‘Seicento stravagante’, ovvero Davide Brutti (cornetto) e Nicola Lamon (organo). Il programma verte principalmente su due figure di spicco della cultura musicale veneziana: Giovanni Bassano e Girolamo dalla Casa. Entrambi cornettisti virtuosi, ricoprirono un ruolo di prim’ordine per lo sviluppo della cultura strumentale a Venezia a cavallo tra Rinascimento e primo Barocco.

Alle 18,30, all’Auditorium Santa Caterina, conferenza di Cristina Casciola “Passeggiando a Foligno nel ‘600 tra fiere, processioni e spezierie”, a cura della Associazione Progetto Foligno. Questa ‘passeggiata’ riporterà all’atmosfera delle vie della festosa, operosa e bella città di Foligno nel 1600, meta di viaggiatori illustri che ne lodano la bellezza del paesaggio e di mercanti provenienti da tutta Europa per una nobilissima fiera che si vuole fare ogni anno, cominciando dal 20 di maggio fino al 20 di luglio. Partecipa Meleute Ensemble, il quintetto vocale composto da Elga Ciancaleoni (soprano), Antonella Masciotti (soprano), Elisabetta Filippucci (contralto), Fabrizio Eleuteri (tenore), Angelo Bornaghi (basso).

Alle 19, corte di Palazzo Trinci, “Non è tempo d’aspettare”, notte cortese tra danze, frottole e fantasie del XVI secolo, con Giulia Testi (voce e liuto) e Angelo Paolo De Lucia e Simona Grazzini (danza). Il repertorio, per solo liuto e voce solista, ci trasporta a corte in una notte di festa, mostrandoci abili danzatori che a ritmo di passemmezzo e dolci melodie conducono a storie di Amore, di Guerra e di Fortuna narrate tramite le frottole di Marchetto Cara e Bartolomeo Tromboncino.

Conclude l’edizione 2020 di Segni Barocchi, alle 21, corte di Palazzo Trinci, il concerto “Der harmonische gottesdienst” del compositore Georg Philipp Telemann (1681-1767) e “Soltanto quel che arde” della scrittrice Christiane Singer (1943-2007). Saranno interpretate da Mauro Borgioni (baritono), Astra Lanz (attrice), Accademia Hermans, Fabio Ceccarelli, (traversiere), Alessandra Montani (violoncello), Fabio Ciofini (clavicembalo e maestro di concerto). L’ingresso agli eventi è libero. E’ obbligatoria la mascherina. I posti sono limitati. Per informazioni e prenotazioni: Auditorium San Domenico Tel. 0742/344563-330396, la mattina, dalle 9 alle 13, e il giovedì dalle 15 alle 17 – segni barocchi@comune.foligno.pg.it (149)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini