Venerdì 18 settembre alle ore 18:30. Il Maestro torna a suonare nella sua città natale dopo 30 anni e lo fa in occasione di "Fili in Trama "

1Perugia, 16 settembre 2020- L’ottava edizione della mostra mercato internazionale del merletto e del ricamo, che si svolge nel meraviglioso borgo di Panicale, ospiterà nella Piazza Masolino, venerdì 18 settembre alle ore 18:30, il recital del Maestro Maurizio Mastrini (nella foto di Elisa Guccione), che dopo trent’anni e dopo aver suonato nelle maggiori città del mondo, tra cui New York, Tokyo e Hong Kong, torna suonare nella sua terra d’origine. Il Maestro Maurizio Mastrini è uno dei maggiori pianisti e compositori anticonformisti del panorama musicale e strumentale internazionale. La sua vita creativa musicale si esprime nel suo eremo in Umbria lontano dal  vortice della vita quotidiana ed è ciò che lo rende incontaminato nelle sue creazioni.

E’ salito alla ribalta mondiale negli ultimi anni grazie alla sperimentazione del “suonare al contrario”, nata da un sogno in cui questa tecnica gli fu suggerita Bach. Mastrini da allora in poi iniziò ad eseguire le sue composizioni, che sono un anello di congiunzione tra i canoni classici e contemporanei, partendo dall’ultima nota e risalendo il pentagramma fino alla prima. Il risultato musicale è sconvolgente: gli ascoltatori hanno la possibilità di ascoltare un brano nuovo che contiene esattamente le note dell’originale eseguite al contrario.

Il Maestro presenterà, durante il concerto, “Lockdown”, il suo ultimo progetto discografico. Il nuovo lavoro dell’eclettico pianista umbro è stato scritto e realizzato nel periodo di quarantena. In “Lockdown” c’è tanta tristezza, terrore ma anche tanto amore per la vita, per il prossimo e per ciò che siamo, come ci ricordano le composizioni di “Tristesse” e “Love”. Il programma concertistico continuerà con composizioni che riusciranno a commuovere ed impressionare il pubblico già dalle prime note.  Mastrini arriva a toccare i settecento concerti in dieci anni di attività da pianista e compositore, con all’attivo oltre dieci dischi scritti ed ispirati in prevalenza alla natura grazie all’esperienza dei concerti passati, come quello in mezzo al  suggestivo deserto tra Dubai ed Abu Dhabi o l’emozionale spettacolo della prima neve a Folgaria di Trento, a più di 2000 metri d’altezza. Autore di diverse colonne sonore e brani utilizzati per pubblicità e sonorizzazione di documentari, il Maestro ad oggi rappresenta un vero e proprio “fenomeno” musicale osannato dalla critica e ben visto anche dal mondo classico musicale. Inoltre, l’artista da oltre un anno e mezzo collabora con il produttore internazionale Tony Renis, con il quale ha due dischi in uscita “Lockdown” e “Excellence.”

L’evento è realizzato grazie all’Ars Panicalensis, organizzato dal Gal Trasimeno-Orvietano, dalle istituzioni e da una fittissima rete di associazioni del comprensorio, in collaborazione con il Pan Opera Festival e dall’Associazione TèathronMusikè.

  (72)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini