Maggiorazioni entro il 30 settembre per tutte le scadenze comprese tra il 1/3 e il 31/7/2020, sospese a seguito del covid19

1Perugia, 22 settembre 2020 – La Regione Umbria in questi giorni sta inviando, attraverso l’ACI, delle note di cortesia per ricordare agli utenti che non abbiano già precedentemente provveduto al pagamento, che a seguito della sospensione adottata dalla Regione, con l’art. 6 della legge regionale 20 maggio 2020, n. 4. “Integrazioni a leggi regionali e ulteriori disposizioni” pubblicata sul BUR n.44 del 27 maggio 2020, è possibile pagare il bollo auto senza sanzioni e maggiorazioni entro il 30 settembre 2020 per tutte le scadenze comprese tra il 1 marzo e il 31 luglio di quest’anno.

A seguito dell’emergenza pandemica, infatti, la Regione Umbria ha disposto la sospensione dei termini dei versamenti della tassa automobilistica regionale ordinaria da effettuare nel periodo sopra indicato. I versamenti sospesi vanno effettuati, in un’unica soluzione, entro il 30 settembre 2020, senza sanzioni e interessi, attraverso i consueti canali, evitando così successive azioni di recupero del tributo, che comporterebbero maggiori oneri da corrispondere.

Nel caso in cui i dati riportati dalla nota di cortesia ricevuta non corrispondessero all’attuale posizione fiscale del cittadino che l’ha ricevuta, questi potrà rivolgersi ad una delle seguenti strutture di assistenza al contribuente: Uffici Territoriali ACI, Delegazioni ACI e Agenzie/Studi di consulenza convenzionati per i servizi di assistenza.

Andranno presentate: a) l’idonea documentazione in possesso dell’utente b) la copia del documento personale di riconoscimento, c) il modulo di “Avviso di Scadenza della Tassa Automobilistica”, presente sul retro della nota di cortesia, debitamente compilato.

I cittadini umbri possono ricevere ulteriori informazioni e chiarimenti collegandosi al sito Internet www.aci.it/assistenzabollo e seguendo le istruzioni (Note di Cortesia Umbria 2020) o rivolgendosi al numero verde 800.15.39.99.

(92)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini