“Verso il 2021, Dante nell’arte contemporanea italiana”. Collegamenti anche dall’Argentina

1Foligno, 20 ottobre 2020 – Nell’ambito delle “Giornate Dantesche” di Foligno si inaugura nel pomeriggio la mostra “Verso il 2021. Dante nell’arte contemporanea italiana”, con opere di celebri artisti contemporanei ispirate alla Divina Commedia. Le incisioni sono state commissionate dal Comune di Foligno a partire dal 2006, in occasione delle celebrazioni dantesche, e ogni anno illustrano una stampa anastatica della Divina Commedia di Foligno del 1472, concessa dall’editoriale Campi. Quest’anno le litografie sono state realizzate dall’artista Roberto Barni. La presentazione delle opere di Barni, introdotte da una conferenza di Italo Tomassoni, sarà trasmessa on line sulla pagina facebook del Digipass di Foligno, alle 17. Seguirà l’inaugurazione della mostra, allestita all’ex teatro Piermarini (Corso Cavour), con incisioni di Omar Galliani, Ivan Theimer, Bruno Ceccobelli, Mimmo Paladino, Giuseppe Gallo, Enzo Cucchi, Piero Pizzi Cannella, Stefano Di Stasio, Marco Tirelli, Sandro Chia, Gianni Dessì, Nunzio Di Stefano, Emilio Isgrò, Giuseppe Stampone, Roberto Barni. La mostra, a cura di Italo Tomassoni, sarà aperta al pubblico fino al prossimo 8 novembre, con orario 16-19, sabato e domenica 10-13 e 16-19.

Da segnalare che nella diretta on line di ieri – con la conferenza di conferenza di Franco Franceschi, storico e professore dell’Università di Siena, su “Dante, Firenze e la società del suo tempo” – ci sono stati anche collegamenti dall’Argentina, in particolare dall’istituto “Coeli Idiomas” di Rosario e dal “Centro Umbro” di Buenos Aires. La iniziativa prosegue domani, mercoledì 21 ottobre, con la conferenza di Marco Santagata “Un fiorentino nell’Eden. Gli ultimi canti del Purgatorio”. Anche questa conferenza, dalle 17, sarà trasmessa sulla pagina facebook del Digipass di Foligno. Santagata, docente di letteratura italiana all’Università di Pisa, è anche critico letterario e scrittore. (62)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini