ANAncora, 21 ottobre 2020 -Un arrestato, 3 persone indagate e 2.728 persone identificate. 317 servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie, 24 pattuglie automontate e un provvedimento di P.S. Questo il bilancio dell’attività del Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo nella settimana appena trascorsa. La Polfer di Ancona ha arrestato un 27enne albanese ricercato da settembre dall’Autorità Giudiziaria Svizzera, con un mandato di arresto internazionale per traffico di sostanze stupefacenti fra l’Albania e la Svizzera. I poliziotti, insospettiti dall’uomo, che si aggirava all’interno della stazione ferroviaria, hanno proceduto al suo controllo e dall’interrogazione in banca dati Schengen è emerso il provvedimento. Lo straniero è stato associato presso la Casa Circondariale a disposizione della Corte di Appello. Sempre ad Ancona gli agenti hanno allontanato un cittadino italiano 31enne che si aggirava all’interno della stazione ferroviaria in stato di manifesta ubriachezza: allo stesso è stato notificato il cd. “minidaspo” valido 48 ore.

A Perugia, la Polizia Ferroviaria, durante un servizio di scorta ad un treno regionale, ha denunciato una 37enne romena che viaggiava a bordo del convoglio, sulla linea Terni –Terontola, nonostante fosse destinataria di una segnalazione di “divieto assoluto” di allontanarsi dalla propria abitazione in quanto persona positiva al Covid-19. I poliziotti hanno chiesto l’intervento del personale sanitario del 118 che ha accompagnato la donna presso la propria abitazione. La donna è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per inosservanza del divieto di circolazione sul territorio in caso di isolamento obbligatorio perché positiva al Covid-19. (79)

Share Button

Written by Gilberto Scalabrini